don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2022

193

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di Sabato 2 Luglio 2022
XIII settimana tempo ordinario

Stoffa grezza e vestito vecchio provoca lacerazioni, vino nuovo in otri vecchi provoca spaccatura.

La vita di fede è così: non si può avere una fede grezza e cercare di affrontare una vita che già di per sé è fragile, altrimenti si perderebbe una e l’altra. Bisogna rinforzare la fede. Né si può avere una fede nuova vivendo una vita vecchia tipica del “si è sempre fatto/è tradizione che…”.

La fede va contestualizzata perché Gesù si è incarnato nella realtà e ha parlato e vissuto in un tempo preciso. A volte sentire affermazioni di cristiani che oggi pretendono di vivere tradizioni che appartengono a epoche passate è assurdo. 

La parola di Dio parla agli uomini di ogni epoca e chiede cose in linea con il tempo che vivono. È impensabile credere a delle verità di fede trasmesse con modalità che oggi non dicono più niente. La verità non cambia, ma trasmetterla con un linguaggio inappropriato rischia di allontanare, cioè di strappare i fedeli, da Dio anzichè avvicinarli, facendo apparire il Signore sempre più distante e incapace di comunicarsi in modo comprensibile.

  • tu che idea hai di Dio? I cristiani/le persone di chiesa che conosci rispecchiano la tua idea di Dio? Perché?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE