Commento al Vangelo – Domenica 16 maggio 2010 – Bellanotizia

517

Questa è una rielaborazione audio/video sulle letture della Messa di: DOMENICA 16 maggio 2010 – ASCENSIONE (Anno C) a cura di Antonio Di Lieto. Il titolo della Messa, che unifica tutte le letture, secondo l’autore è: Siamo figli del cielo !

 

Commento alle Letture

PRIMA LETTURA (dagli Atti degli Apostoli 1,1-11)

Carissimo Teòfilo, amico del Signore, già nel mio primo libro (il vangelo di Luca) ti ho raccontato tutto quello che Gesù ha detto e fatto: dagli inizi fino a quando – dopo aver fatto le sue ultime raccomandazioni agli apostoli – è salito in CIELO. Prima di andarsene infatti, dopo la Sua morte, è riapparso ai suoi discepoli vivo: per ben 40 giorni di seguito. Finchè un giorno, mentre mangiavano insieme, li salutò raccomandando loro di restare a Gerusalemme ed aspettare che si realizzasse questa promessa: “Tra non molti giorni scenderà su di voi, la forza dello Spirito Santo!”. Gli chiesero allora i discepoli: “Signore, stai per far scendere sulla terra il regno di Dio”?. Ma Gesù rispose: “Non spetta a voi sapere quando il Padre farà scendere il Suo regno: ma io vi assicuro che presto farà scendere su di voi la forza dello Spirito Santo. E con coraggio porterete il mio messaggio a Gerusalemme, nelle regioni vicine: e su tutta la terra!”. Detto questo, fu alzato in CIELO sotto i loro occhi: e scomparve inghiottito dalle nubi. I discepoli stavano ancora guardando in alto, incantati, quando due angeli con le vesti bianche esclamarono: “Uomini, perchè avete la testa fra le nuvole? Gesù un giorno tornerà: ed il regno di Dio trionferà nel mondo. Ora andate quindi a svolgere la vostra missione sulla terra. Ed un giorno diventerete come Lui: FIGLI DEL CIELO!”.

SALMO RESPONSORIALE (Salmo 46,2-3.6-7.8-9)

Il Signore sale in CIELO: tra canti di gioia. Popoli tutti, battete le mani. Acclamate a Dio gridando di gioia: perchè il Signore è meraviglioso. Lui è l’Altissimo, il grande Re che dal CIELO governa tutta la terra. Dio sale sul Suo trono, tra squilli di tromba: tra le acclamazioni di tutti, sale in CIELO. Su, cantate inni: cantate a Lui che è il nostro Re. Cantate a Dio con tutta la vostra arte: perché Lui è il Re della terra. Colui che governa tutti i popoli del mondo: dal trono del CIELO !

SECONDA LETTURA (lettera agli Ebrei 9,24-28; 10,19-23)

Gesù è entrato nel santuario del CIELO, con lo stesso spirito con cui i sacerdoti entrano in chiesa: per intercedere davanti a Dio in nostro favore. Con la differenza che i sacerdoti del tempio ebraico, offrono sacrifici di animali: Gesù invece ha offerto in sacrificio addirittura se stesso. L’ha fatto una volta sola: pagando Lui per i peccati nostri. Ed un giorno riscenderà sulla terra: affinché quelli che Lo aspettano e Lo amano, possano salire in CIELO con Lui. Insomma fratelli miei, Gesù offrendo la sua carne per l’umanità, ci ha resi degni di entrare nel santuario celeste: è diventato la strada nuova e reale, percorrendo la quale possiamo arrivare in CIELO. Visto che allora abbiamo un così grande sacerdote che abita nella casa di Dio, accostiamoci a Lui con fede e cuore sincero: con coscienza pulita e speranza ferma. Il Signore infatti mantiene sempre le Sue promesse. Seguiamolo ed un giorno diventeremo come Lui: FIGLI DEL CIELO !

VANGELO (Luca 24,46-53)

Dopo essere apparso più volte ai suoi discepoli, Gesù li salutò dicendo: “Era scritto che io dovessi soffrire, per poi dopo tre giorni risorgere dalla morte: e ritornare in CIELO. Ora andate in tutto il mondo e, cominciando da Gerusalemme, predicate la mia bellanotizia a tutti i popoli: offrendo ad ogni uomo il perdono di Dio. Voi siete miei testimoni, per questo restate in città e presto riceverete ciò che vi ho promesso: la potenza dello Spirito Santo!”.

Poi li condusse fuori, sulla strada verso la città di Betània: e alzando le mani, li benedisse. E proprio mentre li benediceva, staccandosi da terra fu portato IN CIELO. Quelli si inginocchiarono adorandolo: e poi tornarono a Gerusalemme pieni di gioia. E lì vissero frequentando assiduamente il tempio e lodando Dio, certi che un giorno sarebbero diventati come il loro Maestro: FIGLI DEL CIELO!

Sul sito http://www.bellanotizia.it puoi scaricare tante altre “bellenotizie”, anche in forma di registrazione-audio e presentazione-video, oltre a diversi miei articoli, scritti, corrispondenze-mail ed ipotesi innovative.
Note: L’autore precisa che, anche se la lettura di queste bellenotizie aiuta a comprendere la prima parte della Messa (Liturgia della Parola), non potrà mai sostituire la seconda parte (Liturgia eucaristica), in cui ci viene data la possibilità di “abbracciare” veramente il Corpo di Cristo.