Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 5 Maggio 2023

243

La perdita della persona amata lascia in noi un vuoto impossibile da colmare. Qualunque sia la causa di questo abbandono, il nostro cuore è attraversato da un senso di impotenza e di ingiustizia. La nostra mente vaga alla ricerca di un perché, mentre il corpo è orfano di abbracci e di carezze.

In questi momenti di sofferenza, il Signore si fa vicino e ci invita a non aver timore. Non chiede di riempire, ma di abitare la nostra solitudine. A volte lo fa fisicamente, con la premura dei fratelli che ci prendono per mano. Altre volte, è il suo spirito a camminare accanto a noi. In questi momenti, la nostra relazione con lui si rafforza.

Impariamo a conoscerlo, ci lasciamo conoscere. Questa intimità con lui ci rivela la nostra identità di figli amati e ci dona uno sguardo nuovo sulla nostra vita. L’amore donato e ricevuto non è perso. È parte integrante della nostra storia. Tutte le relazioni che ci hanno nutriti, continueranno ad accompagnarci. In un modo nuovo, ma ugualmente pieno. Il passato e il futuro sono legati da fili invisibili di memoria e attesa. Lo smarrimento, il dubbio e la morte lasciano il posto alla Via, la Verità e la Vita.

- Pubblicità -

Il caso non esiste. La realtà non è solo quella che si vede. (Maria Pia S., dal sito Get up and walk)

Per riflettere

Quali esperienze di “assenza” ti hanno avvicinato a Dio? Che cosa significano per te le parole di Gesù “Io sono la via, la verità e la vita”?

1507:00

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi