Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 18 Marzo 2023

480

Dopo lo scriba di ieri, il testo di oggi mette in primo piano “alcuni” (forse il gruppo di farisei perché presenti nella parabola che segue) che non posseggono i requisiti per entrare nel Regno di Dio. La certezza di essere sempre e comunque giusti, accompagnata dal disinteresse verso gli “altri” e talvolta il ricorso alla violenza verso chi non fa parte di questo gruppo sono, purtroppo, tratti presenti ancora oggi.

Il racconto del Maestro non è perciò destinato solo agli “alcuni” della pericope. I destinatari siamo senz’altro anche noi: chi legge questo prezioso fascicolo senz’altro prega. Anche il fariseo e il pubblicano pregano. Anche noi, come loro, preghiamo (non solo) in Chiesa. Dove ci distinguiamo?

Il fariseo siamo noi quando rispettando le prescrizioni non guardiamo gli “altri”. Riteniamo sufficiente la forma a discapito della persona. E spesso attraversati dalla falsa certezza che gli altri saranno puniti. Il pubblicano siamo noi quando riconosciamo di essere sempre e comunque poveri, bisognosi del perdono di Dio e del perdono degli altri. Lo siamo quando matura la consapevolezza di non essere autosufficienti. Abbiamo bisogno dell’aiuto di Dio, che non viene mai meno, e quello dei fratelli, non sempre presenti.

- Pubblicità -

“Amerai il tuo prossimo come te stesso” costituiva la seconda parte dell’unico comandamento impartito da Gesù: lo scriba di ieri era un uomo in ricerca che si confronta con il Nazareno, capace di uscire dalle logiche umane quando inquadrano sorelle e fratelli alla voce “altri”. Il fariseo compie tutto in modo corretto: è “puro”. Qualunque cosa faccia il pubblicano resta “impuro”.

Il primo agisce secondo la legge, non è un peccatore; il secondo la infrange, è un peccatore. Queste le conclusioni cui giungevano coloro che si fermavano alla nuda lettera della legge consegnata da Mosè. La buona notizia portata dal Salvatore è l’annuncio che Dio è Padre misericordioso, che distingue il peccato dal peccatore. Un Dio che non si limita alle apparenze, ma guarda al cuore delle sue creature.

FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi