Gv 15, 9-17

133

Non vi chiamo più servi, ma vi ho chiamato amici.

9Come il Padre ha amato me, anche io ho amato voi. Rimanete nel mio amore. 10Se osserverete i miei comandamenti, rimarrete nel mio amore, come io ho osservato i comandamenti del Padre mio e rimango nel suo amore. 11Vi ho detto queste cose perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena.

12Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io ho amato voi. 13Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la sua vita per i propri amici. 14Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. 15Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l’ho fatto conoscere a voi.

16Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. 17Questo vi comando: che vi amiate gli uni gli altri.

LEGGI TUTTI I COMMENTI AL VANGELO DI QUESTO BRANO

Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 14 Maggio 2021 – Gv 15, 9-17
Articolo successivoCommento al Vengelo del 14 Maggio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini