don Fabio Rosini – Commento al Vangelo di domenica 6 Settembre 2020

167

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 6 Settembre 2020, da Radio Vaticana (per il file audio) e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

Link al video

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica di don Fabio Rosini


Ma a Cristo interessa la comunione tra noi

«Se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà». La nostra attenzione va naturalmente alle parole “qualunque cosa”, e siamo intrigati dall’onnipotenza dell’ipotesi: potremmo chiedere veramente qualunque cosa? Anche la fine di tutte le guerre? Se le parole hanno un senso, qualunque cosa vuol dire che non c’è limite alla potenza della preghiera. Noi restiamo perplessi, un po’ perché ci sembra troppo, e forse ancor di più perché ci sembra che i fatti dimostrino il contrario: ogni domenica nelle preghiere dei fedeli si chiedono cose enormi, e con quale risultato?

Ma il centro della frase di Gesù non è sulla potenza della richiesta, ma sulla condizione previa: «Se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo». La forza della preghiera non viene dai suoi argomenti, ma dalla sua origine. Che è la comunione tra fratelli, l’unione dei cuori, l’unità d’intenti. È qui la vera iperbole.

Fa un po’ senso guardare un’assemblea che subisce la lettura di preghiere dei fedeli prefabbricate, dove la frantumazione della sintassi nella lettura rivela che chi legge non sa cosa sta dicendo, mentre l’assemblea è in stato pavloviano liturgico e risponde «Ascoltaci o Signore» di default, come l’ok dato ai cookies per leggere le notizie di un sito, anzi, meno. L’abbiamo chiesta la fine di tutte le guerre? Sì? Davvero? Si vede che la preghiera è inutile. Perché stavi pregando, per caso? Forse hai pure chiesto qualcosa, ma andrebbe verificato se sei in comunione con i fratelli.

La cosa che più ci manca nella Chiesa e che squalifica la preghiera, la predicazione e la nostra presenza nel mondo è la comunione fra noi. Quando appare quella, appare Dio. «Dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro». Non “insieme nello stesso luogo”, ma “riuniti nel mio nome”.

[…]

Continua a leggere su Famiglia Cristiana