d. Giacomo Falco Brini – Commento al Vangelo di domenica 31 Ottobre 2021

50

GESU, L’AMORE VERTICALE E ORIZZONTALE DI DIO

Il vangelo di domenica scorsa ci ha consegnato l’invito a passare dal desiderio di Giacomo e Giovanni, espressione insipiente e fuorviante dalla strada indicata da Gesù, a quello del cieco Bartimeo, richiesta sapiente ed esemplare per poterci ritrovare sull’unica via battuta dal Signore e diventare suoi discepoli. La domanda dello scriba di oggi permette a Gesù di chiarire come la via della Croce fin qui indicata si identifichi con la via dell’amore. Uno scriba che forse sentiva un urgente bisogno di risposta alla sua domanda, poiché grande era (ed è sempre) il rischio di perdere l’anima, il fulcro ispiratore e unificatore della Legge, con dispersione e smarrimento della propria religiosità nel labirinto di tanti precetti. Insomma, è davvero urgente e vitale sapere cosa conta di più per Dio, cosa tiene uniti tutti i comandamenti.

È interessante che Gesù, da Rabbi ebreo qual era, risponde evocando prima lo Shema’ (Dt 6,4) che in Israele si prega all’inizio e alla fine della giornata. La fede ebraica e il cristianesimo suppongono infatti l’apertura dell’orecchio umano quale condizione imprescindibile per la conoscenza di Dio. Prima del comando c’è l’accoglienza di Colui che comanda. Prima della risposta c’è da accogliere Colui che fa la proposta. Prima di sapere il suo contenuto, c’è da aprire l’udito a Colui che parla. Non è dunque scontato che si viva la risposta che Gesù dà allo scriba. Non a caso, intravedendo in lui saggezza per aver riconosciuto il centro che cercava, aggiunge: non sei lontano dal regno di Dio (Mc 12,34a). Affermazione che avrebbe dovuto indurre lo scriba a chiedergli: “perché? Come posso avvicinarmi di più? Cosa manca per entrarci?”. Marco però annota che davanti a questa affermazione nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo (Mc 12,34b), nemmeno lo scriba.

Qui dobbiamo ricordare un personaggio di qualche domenica fa. Quel tale che aveva un’altra domanda, cioè cosa fare per entrare nella vita eterna. Lì Gesù rispose di andare a verificare l’osservanza dei comandamenti, cosa che costui praticava sin dalla giovinezza. Gesù lo guardò con amore, ma la sua risposta gettò in crisi l’uomo: una sola cosa ti manca. Poi l’indicazione di lasciare l’amore per le ricchezze condividendole con i poveri, e incamminarsi dietro di Lui per amarlo al di sopra di tutto. Ma non fu così, perché il suo cuore confidava nella propria ricchezza. Analogamente, anche qui vediamo che lo scoglio resta la persona di Gesù. Manca una sola cosa allo scriba per entrare nel regno di Dio: non solo riconoscerlo come maestro di fede, ma aderire a Gesù con il suo cuore. Perché per adempiere al più grande dei comandamenti non è sufficiente l’adesione intellettiva o la buona volontà, occorre prima di tutto lasciarsi amare da Lui, poiché in questo sta l’amore: non siamo stati noi ad amare Dio ma è Lui che ha amato noi mandando il suo Figlio (1Gv 4,10).

Gesù è il regno di Dio che si è già fatto vicino all’uomo. Lo scriba non era lontano perché ha cominciato a riconoscere autorità alla sua parola. Ma avrà continuato a cercare una relazione anche affettiva con Lui? Non lo sappiamo. Questo però è il fondamento per poter vivere il primo dei comandamenti. Amare Dio e il prossimo come se stessi è un processo che si realizza radicando bene il nostro povero, fragile amore sull’amore divino, quello sicuro e fedele. Come dire, se si vuole fare l’esperienza gioiosa di questo comandamento, bisogna ancorarsi bene alla verticale dell’amore che è la relazione con Dio. In questo tempo così confuso, dove l’insicurezza dell’amore è una cifra interpretativa del generale smarrimento umano, resta prioritario per il credente (ma anche per chi non crede) mantenere l’unità dei 2 comandamenti: chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede (1Gv 4,20). E tuttavia rimane vero che tanti fallimenti nell’amore sono la conseguenza del suo stacco dalla sorgente, poiché l’uomo pensa di poter fare a meno di Dio in questo campo. Chi ama e confida in Gesù invece, fa ristabilire l’armonia del movimento verticale e orizzontale dell’amore dentro di sé. 


AUTORE: d. Giacomo Falco Brini
FONTE: PREDICATELO SUI TETTI

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 31 Ottobre 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 1 Novembre 2021 – mons. Giuseppe Busani