Vangelo del giorno – 14 Novembre 2018 – don Lucio D’Abbraccio

69

Gesù, maestro, abbi pietà di noi!

I lebbrosi, all’epoca di Gesù, non erano altro che morti ambulanti, non solo a livello fisico, ma anche sociale. Infatti, essendo infetti, non potevano stare in comunità, ma dovevano allontanarsene. Proprio per la lontananza da dover tenere, i dieci lebbrosi, di cui ci parla l’evangelista Luca in questo brano evangelico, sono costretti a gridare a Gesù per farsi sentire: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!»; ma, questa volta, la lontananza è colmata da tutta la compassione che il Messia prova per loro.

Essi, come vediamo, non vengono guariti subito, ma riacquistano la salute durante il cammino verso Gerusalemme, lo stesso che sta per compiere il Signore. La nostra guarigione, e la nostra salvezza, può attuarsi se anche noi compiamo questo cammino verso Gerusalemme, seguendo i passi di colui che lo ha percorso prima di noi. Solo uno, nel racconto, ritorna indietro per lodare Dio, anche se tutti e dieci sono stati salvati: «Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo».

Il lebbroso samaritano, dunque, è stato guarito non solo nel corpo ma anche nel cuore. Gli altri nove, invece, sono stati guariti nel corpo, ma il loro cuore è ancora malato, incapace di riconoscenza: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». L’evangelista conclude dicendo che Gesù, rivolgendosi al lebbroso che era tornato indietro disse: «Alzati e va’; la tua fede ti ha salvato».

La nostra vita è una continua consapevolezza che a tutti gli uomini è stata donata la salvezza, ma per assaporarne i frutti, per accoglierla, c’è bisogno di seguire Gesù dopo averlo incontrato. Chiediamo al Signore che mai si spenga sulle nostre labbra la preghiera di ringraziamento.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Lc 17, 11-19
Dal Vangelo secondo Luca

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

[/box]

Articolo precedenteIl Vangelo del giorno, 14 Novembre 2018 – Lc 17, 11-19
Articolo successivoDehoniane – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2018