Sr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 17 Gennaio 2022

130

- Pubblicità -

Ieri abbiamo visto a Cana lo Sposo dell’umanità, Gesù che ci porta l’amore, quello buono, con il quale soddisfa la nostra sete di amare e di essere amati.

Oggi il vangelo ci riparla di questo Sposo e lo fa proprio Gesù dicendoci che  la nostra fame di amore la soddisfa lui e ci dice anche che vi è un segno che indica questa fame, il digiuno. Non solo fisico , ma di “cose inutili”, di surrogati dell’amore di cui tanto ci ingozziamo. È utile questo digiuno sempre, non solo in quaresima. Perché lo Sposo non è più fisicamente con noi. Ci attende. Ma è dentro di noi. Non sempre tuttavia questa Presenza la percepiamo…

A volte viene meno, come il vino a Cana. Perché seppellita dai surrogati, dalla nostra superficialità, indifferenza. Ecco allora la funzione del digiuno. Fare piazza pulita di tutto ciò che non ci fa percepire più in noi la Presenza dello Sposo. A ognuno il suo dugiuno. Oggi scegli il tuo e ritroverai lo Sposo di cui hai tanto bisogno per vivere.


A cura di Sr Palmarita Guida della Fraternità Vincenziana Tiberiade 

Articolo precedenteMc 2, 23-28
Articolo successivodon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 17 Gennaio 2022