Robert Cheaib – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2021

171

Fonte: il sito di Robert Cheaib oppure il libretto “Parola e Preghiera” oppure il suo canale Telegram.

Docente di Teologia presso la Pontificia Università Gregoriana e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.


La prima lettura ci rammenta che il Signore è geloso. Cosa significa ciò? Significa che il suo amore per noi è un amore nuziale che richiede fedeltà ed esclusività. E Gesù, nel vangelo, opera un gesto profetico che incarna questa esclusività. Nessun altro commercio deve frapporsi nel “commercio” tra l’anima e il suo Signore.

L’insidia grande è che spesso ci accorgiamo degli ostacoli grandi, ma sono le tavole dei piccioni, ovvero le cose piccole e frivole che ci ostruiscono il cuore. È lì che dobbiamo chiedere a Gesù di sfidante le barriere e le barricate che eleviamo per proteggerci salvarlo del Signore Sposo.

Articolo precedenteDon Luciano Condina – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 7 Marzo 2021