Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 24 Febbraio 2021 – Lc 11, 29-32

39

Il cammino nel deserto, questa quaresima severa e feconda che stiamo vivendo, ci interroga sul nostro modo di credere.

Possiamo avvicinarci a Dio attraverso i miracoli, i prodigi e Dio, in questo caso, diventa una sorta di potente da convincere, da corrompere per ottenere ciò di cui abbiamo bisogno; oppure possiamo, come fece la regina di Saba, cercare la sapienza del re Salomone, riflettere, approfondire, argomentare perché la fede è ragionevole e risponde alle grandi domande della vita; possiamo, infine, dar retta alla predicazione dei profeti di ieri e di oggi, come hanno fatto gli abitanti di Ninive.

Gesù non offre prodigi a buon mercato, non fa il guru o il guaritore, fugge la fragile fama che deriva dai prodigi, e si presenta come un profeta più grande di Giona, come un sapiente più saggio del re Salomone. Smettiamola di correre dietro ai prodigi e accorgiamoci di chi abbiamo qui con noi!

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO