Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2022

87

- Pubblicità -

Ovvio, quanto dice il Signore è assurdo e paradossale. E va chiarito subito: non è un incitamento alla rassegnazione, le sue parole non sono rivolte a chi, da sempre, si prendono dei bei ceffoni.

Ma il valore rivoluzionario di queste parole rimane: fai qualcosa che l’altro non si aspetta, stupiscilo, spezza la catena di quanto ci si aspetta da te o dagli altri. Il mondo in cui viviamo e anche il nostro cuore trasudano violenza, lo sai. Bene, rompi tutto, usa il paradosso. Chi ti schiaffeggia (più moralmente che fisicamente) lo fa per provocarti, si aspetta una reazione.

Chi esercita una pressione, una manipolazione, pensa di sfinirti. Ma tu che hai preso le beatitudini come metro della tua vita cambia le carte in tavola. Porgere l’altra guancia non è in alcun modo un atteggiamento di rassegnazione ma, anzi, di forza inaudita. Ma non sempre va fatto: Gesù, schiaffeggiato durante il processo, si rivolgerà alla guardia del tempio chiedendo ragione dello schiaffo.

Stupiamo il mondo, oggi, vivendo il paradosso del Vangelo!


 
Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2022
Articolo successivoDon Francesco Cristofaro – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2022