Mons. Costantino Di Bruno – Commento alle letture del 16 Settembre 2019

3

Il commento alle letture del 16 Settembre 2019 a cura di  Mons. Costantino Di Bruno, Sacerdote Diocesano dell’Arcidiocesi di Catanzaro–Squillace (CZ).

Perché ama il nostro popolo

1 Tm 2,1-8; Sal 27; Lc 7,1-10

Nella Scrittura il primo uomo che pregò il Signore, adducendo le motivazioni della sua richiesta, è Abramo. Dio non può dire una Parola che poi non mantiene. Ma neanche può agire in modo difforme alla sua natura. Se Lui dice, essendo Onnipotente, può e deve mantenere la Parola. Se Lui agisce nella storia, sempre deve agire con giustizia.

Dopo tali fatti, fu rivolta ad Abram, in visione, questa parola del Signore: «Non temere, Abram. Io sono il tuo scudo; la tua ricompensa sarà molto grande». Rispose Abram: «Signore Dio, che cosa mi darai? Io me ne vado senza figli e l’erede della mia casa è Elièzer di Damasco». Soggiunse Abram: «Ecco, a me non hai dato discendenza e un mio domestico sarà mio erede». Ed ecco, gli fu rivolta questa parola dal Signore: «Non sarà costui il tuo erede, ma uno nato da te sarà il tuo erede». Poi lo condusse fuori e gli disse: «Guarda in cielo e conta le stelle, se riesci a contarle»; e soggiunse: «Tale sarà la tua discendenza». Egli credette al Signore, che glielo accreditò come giustizia (Gen 15,1-6).

Abramo gli si avvicinò e gli disse: «Davvero sterminerai il giusto con l’empio? Forse vi sono cinquanta giusti nella città: davvero li vuoi sopprimere? E non perdonerai a quel luogo per riguardo ai cinquanta giusti che vi si trovano? Lontano da te il far morire il giusto con l’empio, così che il giusto sia trattato come l’empio; lontano da te! Forse il giudice di tutta la terra non praticherà la giustizia?». Rispose il Signore: «Se a Sòdoma troverò cinquanta giusti nell’ambito della città, per riguardo a loro perdonerò a tutto quel luogo». Abramo riprese e disse: «Vedi come ardisco parlare al mio Signore, io che sono polvere e cenere: forse ai cinquanta giusti ne mancheranno cinque; per questi cinque distruggerai tutta la città?». Rispose: «Non la distruggerò, se ve ne troverò quarantacinque». Abramo riprese ancora a parlargli e disse: «Forse là se ne troveranno quaranta». Rispose: «Non lo farò, per riguardo a quei quaranta». Riprese: «Non si adiri il mio Signore, se parlo ancora: forse là se ne troveranno trenta». Rispose: «Non lo farò, se ve ne troverò trenta». Riprese: «Vedi come ardisco parlare al mio Signore! Forse là se ne troveranno venti». Rispose: «Non la distruggerò per riguardo a quei venti». Riprese: «Non si adiri il mio Signore, se parlo ancora una volta sola: forse là se ne troveranno dieci». Rispose: «Non la distruggerò per riguardo a quei dieci» (Gen 18,23-32).

Dare a Dio le motivazioni è appellarsi alla verità della sua natura, contro la quale Lui mai potrà agire. Mai Dio potrà operare senza giustizia e mai potrà non mantenere la Parola data. La stessa cosa vale per Gesù. Dare a Lui le motivazioni è obbligarlo a compiere il miracolo, perché neanche Lui potrà mai agire contro la sua natura e contro il suo Vangelo. Se lui ha promesso a chi ama che una misura traboccante sarà versata nel suo grembo, potrà mai negare il miracolo ad un uomo che ama il popolo dei Giudei e ha loro costruito anche la sinagoga? Gesù deve amare quest’uomo. Deve fargli il miracolo. Non può non ascoltare la sua preghiera. Se non l’ascoltasse, all’istante sarebbe un cattivo Maestro. Insegna l’amore vero e poi è Lui che non ama.

Quando ebbe terminato di rivolgere tutte le sue parole al popolo che stava in ascolto, Gesù entrò in Cafàrnao. Il servo di un centurione era ammalato e stava per morire. Il centurione l’aveva molto caro. Perciò, avendo udito parlare di Gesù, gli mandò alcuni anziani dei Giudei a pregarlo di venire e di salvare il suo servo. Costoro, giunti da Gesù, lo supplicavano con insistenza: «Egli merita che tu gli conceda quello che chiede – dicevano –, perché ama il nostro popolo ed è stato lui a costruirci la sinagoga». Gesù si incamminò con loro. Non era ormai molto distante dalla casa, quando il centurione mandò alcuni amici a dirgli: «Signore, non disturbarti! Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto; per questo io stesso non mi sono ritenuto degno di venire da te; ma di’ una parola e il mio servo sarà guarito. Anch’io infatti sono nella condizione di subalterno e ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa». All’udire questo, Gesù lo ammirò e, volgendosi alla folla che lo seguiva, disse: «Io vi dico che neanche in Israele ho trovato una fede così grande!». E gli inviati, quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito.

Il centurione rivela la verità di Cristo Gesù. Lui è persona dalla Parola che può comandare ad ogni essere esistente della creazione. Il comando non necessita della sua presenza. Lui comanda e tutto avviene. Gesù è sommamente alto. Lui è infimo.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fate che sempre confessiamo la purissima verità di Gesù.

Fonte@MonsDiBruno