Juan Luis Caballero – Commento al Vangelo del 9 Novembre 2021

45

Poco prima della Pasqua, Gesù sale a Gerusalemme e compie un gesto accompagnato da alcune parole il cui senso non si comprenderà del tutto sino alla sua risurrezione.

Per intendere il contesto è bene ricordare il profondo significato che aveva per i giudei il Tempio e l’anniversario della sua Dedicazione.
In quella festa i giudei commemoravano la consacrazione del Tempio compiuta dai Maccabei nell’anno 164 a. C., dopo che tre anni prima era stato profanato da Antioco IV Epifane.

La festa si chiamava anche “delle luci” in riferimento al candelabro di sette braccia che, sempre acceso, simbolizzava la Presenza di Dio, che tutto vede e che è luce del mondo, in mezzo al Popolo. Dov’era quella luce si dissolveva l’oscurità del paganesimo e l’idolatria.
In questo contesto Nostro Signore purifica e “consacra di nuovo” il Tempio, la casa di suo Padre, dal cui zelo era consumato.
Sia quegli uomini che noi siamo sottoposti alla tentazione di fare della vita religiosa e del tempio un “mercato”, un affare, ossia, usare Dio per il proprio interesse. E questo, in fondo, è una profanazione del Tempio.

Ma nella casa di Dio può esserci solo un Signore, solo Dio può dare ragione di tutto il resto, e non può mai essere un pretesto per un altro fine. Con l’espulsione dei mercanti e dei cambiamonete, dunque, Gesù ci invita a purificare le nostre intenzioni, in modo che la nostra ricerca di Dio sia la più pura e disinteressata possibile. Amore vero.

Però tempio di Dio non è solo l’edificio di pietre, ma, alla fin fine, è il Corpo di Cristo, la Chiesa. Essa è casa di Dio in senso stretto. In essa Egli dimora, illuminandola e vivificandola.

Gesù ci invita a guardarla con questi occhi e a conservarla, per quello che dipende da noi, senza macchia e senza ruga. Ognuno di noi deve sentirsi responsabile di questo nella propria vita. Noi battezzati, in quanto pietre vive, costituiamo il volto visibile della santità della Chiesa davanti agli uomini, un volto che è chiamato ad attrarre quelli di fuori e a dar luce e consolazione a quelli di dentro.

Juan Luis Caballero


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 9 Novembre 2021
Articolo successivodon Alfonso Giorgio – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2021