Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 31 Luglio 2021

82

C’è un concetto di “tutto”, che è pienezza, secondo Dio, e c’è un concetto di “tutto”, che è stoltezza, secondo gli uomini.
La parola di oggi ci mostra la figura di una donna che per un capriccio è disposta addirittura a pretendere tutto, cioè la testa di un uomo, la sua morte.

A tale controtestimonianza si affianca la grande testimonianza di Giovanni il Battista che morirà perché per il Regno ha dato tutto, per annunciare la venuta del Messia – con umiltà – ha donato tutta la sua vita.
Cosa insegna a noi questo brano del Vangelo?

Ci dice che ogni giorno, nella Chiesa, siamo chiamati a scegliere chi essere tra Giovanni il Battista e la figlia di Erodiade: testimonianza o controtestimonianza?
La scelta dipende da noi più che da ogni altro!
Tu cosa annunci? Come lo annunci? Cosa sei disposto a perdere?


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 31 Luglio 2021
Articolo successivodon Umberto Guerriero – Commento al Vangelo del 31 Luglio 2021