Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2021

223

Oggi festeggiamo l’Ascensione di Gesù, questo evento sicuramente avrà destabilizzato la comunità dei discepoli. La partenza definitiva di Gesù avrà generato sentimenti contrastanti, forse ansia, timore, un distacco così non è facile da comprendere. Ma inizierà un tempo nuovo, il tempo della Chiesa.

Dopo essersi mostrato ai suoi per 40 giorni, Gesù chiede ai discepoli di prendere in mano l’eredità che aveva lasciato loro. L’Ascensione è testimonianza della divinità di Gesù, ma anche una sorta di taglio del cordone ombelicale: i discepoli diventano apostoli, diventano “adulti”, loro dovranno portare a tutti i popoli il Vangelo del Signore. Il loro agire, però, radicato in Cristo è testimonianza del suo amore. Per questo la loro vita è testimonianza, coloro che li vedono agire non possono che dire: “il Signore agiva realmente con loro” e Egli era ed è realmente con loro.


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2021