Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021

61

La parabola di oggi ci offre la descrizione di un giudice disonesto in opposizione a quella di Dio. Il giudice non intende difendere la povera vedova, perché per lui non ci sarebbe nessun guadagno; mentre Dio è pronto a difenderci gratuitamente, anzi ha già garantito per tutti quanti noi.

La preghiera della vedova è per il giudice un contraccambio; invece per Dio la nostra preghiera non è questo, non saremo salvati a forza di preghiere, ma assumendo una postura orante, mantenendo viva la speranza in ogni istante, in ogni momento.
Come vivere “di” preghiera, allora? La preghiera cristiana è gioiosa, semplice e profonda, è con gli altri e per gli altri, è una conversazione con Dio aderente alla vita e prolungata in essa.

Don Bosco scrisse una semplice giaculatoria mariana, proprio per rimanere sempre uniti a Dio: “Al pensier di Dio presente / fa’ che il labbro, il cuor, la mente / di virtù seguano la via / o gran Vergine Maria”. Prova a farla tua!


Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale! 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 13 Novembre 2021