Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 25 Febbraio 2020

217

Oggi il Signore riapre il cuore ai suoi, gli confida ciò che li attende a Gerusalemme, preparando i compagni di cammino e sé stesso con loro. Gesù cerca di insegnare ai discepoli che mai e poi mai lui consegnerà un altro alla morte ma, piuttosto di compiere il male, si lascerà consegnare. L’annuncio pasquale è rifiutato, non verbalmente, ma chiudendo gli occhi, ignorandolo, non chiedendo, cercando ancora una volta di aggiustare le cose al modo umano, come maldestramente Pietro aveva fatto in precedenza.

Una volta giunti a casa Gesù domanda l’oggetto del loro discorrere, una discussione che sarà stata animata, ma soffocata, non pareva carino trovare il sostituto, mentre il Maestro era ancora in vita!

La risposta di Gesù sconcerta, davanti ad un consesso di “primi” si pone a modello il più piccolo… un ribaltamento radicale del punto di vista che lascia tutti senza parole. Davanti alle grandi sfide della vita il “farsi grossi” per il Signore non è la strategia migliore! La Chiesa, così come le nostre famiglie, non sono mandate avanti da chi sbatte il pugno sul tavolo, ma da chi umilmente si mette al servizio di tutti.

Colui, o colei, che può governare la comunità è sempre da cercare e trovare fra coloro che sanno stare con gioia all’ultimo posto. Possiamo allora chiedere oggi al Signore che nelle posizioni di leadership che la vita ci chiede di assumere, possiamo rifuggire ciò che davvero mina il nostro servizio, il non essere servi degli altri, ricacciando indietro il desiderio di strumentalizzare e farla da padroni!

Narciso Sunda SJ

[…] Continua sul sito […]

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato


LEGGI IL BRANO DEL VANGELO DI OGGI

Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato. Se uno vuole essere il primo, sia il servitore di tutti.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 9, 30-37 In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo. Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti». E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato». Parola del Signore