Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 21 Gennaio 2022

170

- Pubblicità -

Vocazione originaria dell’essere umano è stare alla presenza di Dio, stare con la parte più intima di sé stessi, quella che nutre tutto il resto.

Questo essere intimamente uniti comporta un viaggio di esplorazione e conoscenza per arrivare all’Altro; l’essere umano così è chiamato a manifestare con la parola una relazione di comunione profonda che lo identifica come creatura legata al suo creatore, una relazione che non lascia fuori nessuno e niente, ma che ci permette di attraversare tutto.

Ciò avviene rinunciando e scacciando quell’idea secondo cui non si è degni dello splendore della vita, quell’idea che divide l’animo e che si traduce in orgoglio, invidia, giudizio di condanna, menzogna, nascondimento, ira, vergogna, rifiuto, abbandono.
Dio ci chiama a sé per ricordarci chi siamo o farcelo scoprire.
Prestiamo orecchio, seguiamo la sua voce.

Mounira Abdelhamid Serra


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

- Pubblicità -

Articolo precedenteMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 21 Gennaio 2022
Articolo successivodon Mariano – Commento al Vangelo del 21 Gennaio 2022