Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 21 Maggio 2021

162

- Pubblicità -

Seguimi

Questo mi sta dicendo oggi Gesu’.

Mi invita a mettermi alla sua sequela cosi’ come sono, con tutti i miei limiti.

Questi ultimi non mi devono spaventare né devono essere una scusa per non andare dietro a Cristo, per non sceglierlo come compagno di viaggio della mia vita.

LUI HA FIDUCIA IN ME NONOSTANTE ME.

Mi basta questo.

La prova ce la dà questa pagina del Vangelo.

- Pubblicità -

Mi ami più di costoro?

Pietro è onesto e dice: “ Sai che ti voglio bene “.

Sa, dentro di se, di non essere migliore degli altri, di non avere quel “ piu’ “.

Non importa.

Cristo si fida di lui, gli dice: “ Pasci i miei agnelli “ e…” toglie il piu’ “ domandandogli: “ Mi ami?

La risposta è sempre la stessa: “ Ti voglio bene “.

L’amore è qualcosa di fortissimo, è “ dare la vita per i propri amici “, come ci dirà Gesu’ in un’altra pagina meravigliosa.

Pietro sa di non arrivare a tanto.

Non importa.

Cristo si fida ancora di lui, gli dice “ Pasci le mie pecore “ e…cambia la domanda.

Mi vuoi bene?

Sa che Pietro puo’ arrivare a questo.

L’apostolo “ fa quasi l’offeso “, si “ addolora “ della ripetizione della domanda e dice: “ Tu conosci tutto, lo sai che ti voglio bene “.

E si, Lui “ conosce tutto “, Lui sapeva già dove Pietro poteva arrivare.

L’apostolo è stato onesto, non si è vantato di riuscire a fare cose più grandi ( “ mi ami più di costoro “? “ mi ami “? ), ha detto la verità, si è manifestato cosi’ come egli è.

Per il Signore va bene cosi’.

Pasci le mie pecore, seguimi “.

Anche noi, come Pietro, andiamo bene a Cristo cosi’ come siamo.

Seguiamolo, quindi, senza vantarci e senza ritenerci incapaci.

Solo alla sua sequela potremo giungere alla Salvezza.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.


A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021