Fabrizio Francesco Campus – Commento al Vangelo del giorno – 21 Febbraio 2020

209

“Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua.”

Tutti noi abbiamo delle croci, piccole o grandi. Sappiamo bene quanta fatica costi portarle e sappiamo anche che ci dobbiamo convivere, che se anche potessimo scappare fino al punto più lontano del mondo, dovremmo comunque conviverci.

È impossibile non portarne il peso. Ecco, allora, che Gesù non ci offre una soluzione ma ci apre una Via: prendere queste croci e seguirLo. Non ci toglie le croci ma si offre affinché esse acquistino senso. Credo che ciò che ci fa soffrire maggiormente, non siano tanto le nostre croci ma non vederne, appunto, il senso.

Ancora prima di prendere le nostre croci, però, c’è un passaggio fondamentale: rinnegare noi stessi. Non siamo chiamati certamente ad annullarci, ma a rinunciare al nostro egoismo, alle nostre logiche e a voler controllare tutto, persino ciò che ci ha fatto soffrire, che ci ha segnato.

Dobbiamo necessariamente accettare il fatto che non possiamo salvarci da soli. Allora, in questo giorno, prendiamo le nostre croci e mettiamoci in cammino dietro il Signore. AffidiamoGli i nostri pesi e le nostre mancanze. E lasciamo veramente fare a Lui. 

Fabrizio Francesco CampusCommento a cura di Fabrizio Francesco Campus

Il 5 Aprile 2015 ho ricevuto il Battesimo, diventando a tutti gli effetti cristiano cattolico, ma soprattutto figlio di un Dio che non ha mai smesso di cercarmi. La mia vita non è cambiata, ma è cambiato il mio sguardo su di essa. Non sono migliore, ma ora so di essere infinitamente amato e sono in cammino per imparare ad amarmi e ad amare così.


Chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 8, 34 – 9, 1   In quel tempo, convocata la folla insieme ai suoi discepoli, Gesù disse loro: «Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia e del Vangelo, la salverà. Infatti quale vantaggio c’è che un uomo guadagni il mondo intero e perda la propria vita? Che cosa potrebbe dare un uomo in cambio della propria vita? Chi si vergognerà di me e delle mie parole davanti a questa generazione adultera e peccatrice, anche il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui, quando verrà nella gloria del Padre suo con gli angeli santi». Diceva loro: «In verità io vi dico: vi sono alcuni, qui presenti, che non morranno prima di aver visto giungere il regno di Dio nella sua potenza».   Parola del Signore