don Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Ottobre 2019

509

“Si alzerà a dargli i pani per la sua invadenza”

Gesù fa notare come gli uomini fanno fatica a fare del bene. Il primo impedimento sta proprio nel doversi scomodare per farlo, nel dover rinunciare a qualcosa: al riposo, ad un proprio progetto, al tempo libero. E se nonostante le difficoltà si decide di fare del bene non sempre è per nobili motivi, molto più spesso è per non averne un danno peggiore e lasciare intatta la propria situazione.

Non così è per Dio, il quale non ha problemi nel donare quanto è necessario agli uomini per la loro salvezza. Dio agisce per amore, non bada a quello che “perde”, a quanto gli costa, o a cosa rinuncia. Lo fa per amore. Lo fa per te.

Forse troppo spesso sei abituato a far le cose tutte da solo e a rivolgerti a Dio solo quando ti serve un “miracolo”. Abbi maggiore confidenza in Lui e impara a fare con Lui ogni cosa. “Perché chiunque chiede riceve, chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto”.

In breve

Non ridurti a chiedere a Dio solo le cose impossibili a te. Ma importunalo più spesso, anche per le cose che ti sembrano banali. È proprio da queste cose che farai esperienza di quanto ti ama e fino a che punto puoi fidarti di Lui.

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Chiedete e vi sarà dato.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 11, 5-13

In quel tempo, Gesù disse ai discepoli:

«Se uno di voi ha un amico e a mezzanotte va da lui a dirgli: “Amico, prestami tre pani, perché è giunto da me un amico da un viaggio e non ho nulla da offrirgli”; e se quello dall’interno gli risponde: “Non m’importunare, la porta è già chiusa, io e i miei bambini siamo a letto, non posso alzarmi per darti i pani”, vi dico che, anche se non si alzerà a darglieli perché è suo amico, almeno per la sua invadenza si alzerà a dargliene quanti gliene occorrono.

Ebbene, io vi dico: chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto.
Quale padre tra voi, se il figlio gli chiede un pesce, gli darà una serpe al posto del pesce? O se gli chiede un uovo, gli darà uno scorpione? Se voi dunque, che siete cattivi, sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro del cielo darà lo Spirito Santo a quelli che glielo chiedono!».

Parola del Signore