don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2021

35
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Amare la libertà significa farsi liberare per amare

A volte dietro la scusa di non poter fare il bene nascondiamo il fatto di non volersi impegnare per gli altri. È paradossale che il sabato da giorno di libertà dalla schiavitù del male diventa quello in cui, nei fatti, si pretende di emanciparsi da Dio svincolandosi dalla responsabilità nei confronti dei fratelli. La festa ha un valore terapeutico perché permette di mettere al centro non il valore della produzione, a cui l’uomo spesso è assoggettato, ma la persona stessa, anche se limitata dal suo peccato.

Gesù ci insegna a non valutare le persone fermandoci a ciò di cui sono capaci e a quanto possono produrre ma a riconoscere in ciascuno l’immagine di Dio e, dunque, nei fratelli il riflesso di sé stessi. Gesù da una parte svela i pensieri cattivi degli scribi e dei farisei e dall’altra fa uscire dall’anonimato l’uomo dalla mano destra paralizzata per renderlo protagonista dell’opera della salvezza che Lui è venuto ad attuare. Tutti sapevano che quell’uomo aveva un problema, ma nessuno si è preso cura di lui perché la sua identità non si sovrapponesse alla menomazione di cui era affetto. Vittima dell’indifferenza l’uomo nella sinagoga era invisibile agli occhi degli uomini ma non a quelli di Gesù, che invece lo chiama al centro dell’assemblea e gli chiede di mostrare la parte malata del suo corpo.

Così La Parola di Dio ci educa a non nascondere la parte malata di noi perché alla fine questo «segreto di pulcinella» non porta che a isolarci. Al contrario, Dio ci chiama ad andare verso il centro della vita che è il suo cuore e, ascoltando e mettendo in pratica la sua parola, a essere protagonisti nel nostro riscatto. Salvare una vita significa renderla capace una persona di trasformare i suoi limiti in risorsa per il bene di tutti.

Signore Gesù, Tu conosci i miei pensieri giudicanti e le mie paure paralizzanti, la tua parola mi chiami ad uscire dall’anonimato nel quale mi rinchiudono i pregiudizi degli altri e i miei sensi di colpa. Donami un cuore libero dall’invidia che arma la vendetta. Fammi sentire l’amore del Padre nel cui cuore ho un posto speciale e aiutami ad essere accogliente verso tutti perché, perché nei piccoli gesti di attenzione per i fratelli più piccoli si manifesti la maternità della Chiesa.

Articolo precedentedon Francesco Pedrazzi – Commento al Vangelo del 6 Settembre 2021
Articolo successivoMonastero di Bose – Commento al Vangelo del giorno – 6 Settembre 2021