don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 31 Agosto 2021

61
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

La Parola di Dio viene a mettere ordine  

A Nazaret i paesani di Gesù, conoscendo le sue origini e la sua famiglia, avevano accampato la pretesa di vedere prodigi come quelli fatti in altri villaggi. Dinanzi al suo diniego essi reagiscono opponendogli un deciso rifiuto. In realtà la triste vicenda rivela che i Nazaretani non hanno riconosciuto il tempo in cui sono stati visitati da Dio e non l’hanno accolto. Non riconoscendo in Gesù Colui che porta il Vangelo che libera e consola, lo hanno scartato come si fa con una cosa inutile.

L’autorità di Gesù gli deriva dalla promessa che Dio ha fatto al suo popolo mediante i profeti, ma essi sono i primi testimoni del fatto che la durezza del cuore porta a rifiutare il dono di Dio. Cacciato dalla sinagoga di Nazaret, Gesù continua la sua missione a Cafarnao che diventerà la sua patria di elezione. Nella sinagoga di questa cittadina, situato sulle sponde del lago di Tiberiade, il Maestro riprende il suo insegnamento riscuotendo un certo successo dalla gente che lo accoglie con benevolenza perché la sua parola è riconosciuta autorevole. Tuttavia, non ci è dato capire su quale base la gente riconosca autorità alla parola di Gesù. La domanda del lettore trova una prima risposta nella reazione di un uomo indemoniato che si trovava nella sinagoga.

Come nella sinagoga di Nazaret, anche in quella di Cafarnao si eleva una voce contraria. In entrambi i casi è rivendicata una conoscenza di Gesù, anche se da due punti di vista diversi e che tuttavia rivelano la sua autentica doppia natura, umana e divina. I Nazaretani attestano la completa appartenenza alla comunità degli uomini, salvo poi rinnegarlo, il demonio invece proclama il suo legame strettissimo con Dio, giungendo però alla stessa conclusione dei paesani di Gesù. Anche noi possiamo essere cristiani che conoscono tutto di Gesù e recitano perfettamente gli articoli del Credo ma essere al contempo talmente schermati dalle nostre attese proiettate su Dio o intrappolati nel formalismo religioso senza sostanza, da non riconoscere la sua presenza e da opporre una resistenza o addirittura un rifiuto molto netto estromettendo Dio dalla nostra vita.

La promessa di Dio non è illusione e la sua parola non gonfia le nostre attese mondane come si fa con un palloncino fino a farlo scoppiare. Gesù mostra che la sua parola è veramente autorevole perché libera e restituisce la dignità, garantita da Dio ma messa in discussione dalle nostre scelte sbagliate ispirate dall’avidità e dalla cupidigia e non dalla carità. Il male vorrebbe imporre la sua forza gridando, invece il bene stabilisce la sua autorità ordinando, ovvero mettendo ordine. La parola di Dio è veramente autorevole perché mette ordine nella relazione. Grazie ad essa impariamo ad impostare le relazioni non come una continua lotta per emergere ma come un dialogo nel quale ognuno si mette a servizio della libertà e della felicità dell’altro.

Signore Gesù, luce che vieni dal Cielo e germoglio profumato generato dalla terra, la tua Parola ferisce senza mortificare perché cada la corazza del pregiudizio, si frantumi la durezza dell’orgoglio, crolli l’impalcatura del formalismo ipocrita affinché si restituita dignità a chi si è asservito al male, consolazione a chi è sotto la pressione dell’ira e della paura, gioia a chi è vittima della tristezza e della delusione. Insegnami a riconoscere i segni della tua visita e aiutami ad aprirti il cuore per accogliere la tua Parola nella mia vita. In Te trovi la forza di sempre ricominciare dopo ogni fallimento e di sempre lasciarmi perdonare dopo ogni tradimento. Il comandamento dell’amore metta ordine nei miei affetti e nei miei pensieri perché ogni opera sia compiuta e ogni parola sia pronunciata per il bene dei miei fratelli.

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 31 Agosto 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 31 Agosto 2021