don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021

67
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Non piante ornamentali ma tralci fecondi di frutti

La parabola della vite mette a fuoco la relazione che intercorre tra Gesù e i suoi discepoli. La comunione non è un ideale astratto ma è la natura propria di Dio che si incarna nel «Corpo» della Chiesa in cui si instaura un legame relazionale tra Cristo, che è il suo capo, e noi, le membra. Gesù stesso svela il codice interpretativo della parabola quando dice di essere «la vite» e i suoi discepoli «i tralci». In natura la vite non esiste senza i tralci, e viceversa, e la vite porta frutto attraverso i tralci, i quali hanno proprio questa funzione.

La vocazione, ovvero il senso dell’esistenza della vite è quella di fruttificare. Il discepolo, come il tralcio, rimanendo unito alla vite, che è la Chiesa, partecipa alla medesima vocazione di Gesù. Il frutto è realizzare la volontà del Padre che si prende cura della vite-Chiesa perché si compia il suo progetto di salvezza per tutti. Di qui la necessità di vivere la fede come una relazione di intimità e feconda comunione con Cristo affinché la Parola del Padre, che nutre la vita del Figlio, renda viva l’esistenza dei suoi discepoli ed efficace la loro missione nel mondo.

Un cristiano non può dirsi tale se non lascia fluire costantemente nel suo cuore la sapienza dell’amore che scaturisce dalla Comunione della Trinità. La Parola ascoltata, meditata e assimilata, ispira la preghiera intesa non solamente come espressione vocale fatta con la bocca ma come l’offerta di tutta la vita al Padre perché, attraverso i propri mezzi poveri e insufficienti, Lui possa compiere la sua volontà. È dai frutti che si riconosce se siamo tralci uniti alla vite o rami secchi.

I frutti sono le nostre parole, le nostre azioni volte a far gustare agli altri il dolce sapore della pace offertoci dalle mani di Dio. Parole e gesti offensivi sono certamente il segno rivelativo di quell’aridità interiore causata dall’orgoglio. I frutti sono solo quelli che nascono da un processo di maturazione umana e spirituale guidata dallo Spirito Santo. Senza di Lui nella nostra vita è solo apparente piena di foglie ma priva di frutti. 

Signore Gesù, vite le cui radici affondano nel Cielo, fai fluire abbondantemente la linfa della Grazia perché io, tuo piccolo tralcio, possa portare frutti di giustizia e carità. Unito a Te la mia vita fiorisce e fruttifica. Rendimi strumento di comunicazione del tuo amore. Le prove della vita procurano ferite e lacerazioni che provocano rabbia e delusione. Consolami e confortami perché esse, come i segni della tua passione, possano trasformarsi in sorgente di consolazione e conforto. Insegnami ad avere cura delle relazioni fraterne, a custodirle dal nemico che mi istiga alla ribellione e al disinteressamento.

Apri i canali ostruiti dall’orgoglio perché possa lasciarmi sanare dal tuo perdono, vinci ogni resistenza che mi impedisce di essere responsabile dei miei fratelli. Istruiscimi nell’arte della pazienza perché impari la sapienza della mitezza.

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 23 Luglio 2021 – Gv 15, 1-8
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 23 Luglio 2021