don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del Giorno – 5 Aprile 2020 – Mt 26, 14 – 27, 66

643

Attraverso la porta della Domenica delle Palme, entriamo nella settimana più santa per noi cristiani. Mai come quest’anno abbiamo bisogno di questi giorni per imparare la via d’uscita dal buio in cui ci sentiamo prigionieri.

Per questo i giorni di questa settimana sono un grande esercizio di discepolato. Dobbiamo imparare ad andare dietro a Gesù, seguirlo, rallentando il racconto della Passione fino a farci prossimi a Lui nella sua tristezza, nella sua angoscia, nel suo sentirsi abbandonato, nella sua sofferenza, e solo così scoprire che da soli siamo solo condannati; aggrappati a Lui, invece, possiamo venir fuori da qualunque sepolcro perché Egli ci mostra il giusto modo di vivere ciò che noi sappiamo vivere solo con impotenza, angoscia e panico.

Gesù non ci ha dato la spiegazione della nostra sofferenza, ci ha chiesto di afferrargli la mano. Uniti in quella stretta sperimentiamo davvero il significato della Pasqua: “passare da una situazione di morte a una situazione di vita”. Ecco perché, soprattutto nelle difficoltà, lo acclamiamo così come ci insegna il Vangelo di oggi: “Benedetto colui che viene nel nome del Signore”. Egli viene con lo scopo preciso di salvarci.

Oggi, con semplicità, ripetiamo continuamente “Benedetto colui che viene nel nome del Signore”, come una giaculatoria che ci aiuti a fare memoria che Dio ha mandato Suo Figlio a salvarci. E che il buio (qualunque esso sia) ha già le ore contate.

Commento di don Luigi Maria Epicoco al Vangelo di Mt 26, 14 – 27, 66

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO