don Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 6 Gennaio 2021 – Mt 2, 1-12

194

La festa dell’Epifania ci ricorda quel minimo sindacale che permette al cristianesimo di esistere. Innanzitutto che la fede è un viaggio, non è un posto comodo, una convinzione priva di domande, o un libro da leggere. Ma a differenza di quello che ci propina il mondo abbiamo la certezza che questo viaggio ha una meta, che le nostre domande hanno una risposta, e che la vita è superiore alle idee.

Gesù è la meta, la risposta, e la vita che stiamo cercando. Sapendo ciò nessuno di noi vive da disperato, è invece un pellegrino in cammino come i Magi.

La seconda cosa che ci ricorda la festa di oggi è che persino Erode può fornire informazioni giuste, e questo ci fa fare memoria che anche nelle situazioni più buie, difficili e a volte ingiuste c’è sempre un bene nascosto che va preso sul serio.

La terza cosa è che è difficile arrivare realmente da Gesù senza una stella che ti guidi e ti infiammi di gioia. E’ la stella di un desiderio profondo che ognuno si porta dentro e che molte volte rimane seppellito dalle circostanze o dagli infiniti ragionamenti che facciamo nel tentativo di controllare la vita.

Ma la cosa che conta di più è che tutta la nostra fede ha un unico scopo: cercare e trovare Gesù. Se il cristianesimo odierno è in crisi (e con esso la Chiesa) lo è solo perchè tendiamo molto spesso a dimenticare che la persona di Gesù è l’unica cosa che conta, ma che molto spesso è la grande assente delle nostre vite personali ed ecclesiali: “Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono”.

Cercalo, trovarlo, adorarlo sono le tre tappe di ogni autentica vita spirituale.


AUTORE: don Luigi Maria Epicoco
PAGINA FACEBOOK
FONTE: Amen – La Parola che salva – ABBONATI A 12 MESI (12 NUMERI) A 34,90€

Articolo precedenteCommento al Vangelo di mercoledì 6 Gennaio 2020 a cura di Fabrizio Giannini
Articolo successivop. Maurizio de Sanctis – Sei speciale… 6 di Gesù!