don Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 19 Settembre 2021

103

«Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

Chi è il discepolo di Gesù? La parola di oggi ci chiama con forza a passare dalla sapienza del mondo a quella che Gesù ha manifestato sulla croce.
E’ una sapienza che resta incomprensibile al buon senso comune, che valuta le persone in base alla bellezza, al successo, alla carriera, al denaro.

Mettendosi dietro a Gesù si può avanzare per un’unica strada; farsi ultimi come lui e porsi al servizio di tutti. Quelli che non contano, che non hanno voce, rivelano il volto di Gesù.
Fasi prossimi a loro non è un atto di beneficenza, ma scuola di sapienza in cui si impara a fasi come bambini confidando nel Padre, non nelle strategie umane, abbandonando ogni difesa.

La sapienza che viene dall’alto infatti non ha doppiezza né violenza, opera la pace vincendo ogni gelosia e spirito di contesa. […]

Continua a leggere il commento di don Luciano sul sito nondisolopane.it


Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 19 Settembre 2021
Articolo successivoIl Salmo Responsoriale Sal 53 (54) di Domenica 19 Settembre 2021 (con musica)