Don Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021

77

Il termine che più è ripetuto in questa pagina del vangelo è preoccuparsi, declinato nelle diverse forme. E quando un termine, una parola, un verbo, sono ripetuti più volte, vuol dire che là c’è una particolare chiave di lettura di tutto il discorso. Certo, se dovessimo leggere e intendere alla lettera queste parole, ci verrebbero mille dubbi: perché ci sono persone che muoiono di fame in paese sconosciuti o nelle periferie delle grandi città?

Ma come più volte capita, Gesù usa un linguaggio paradossale, volutamente esagerato per veicolare un messaggio molto chiaro: concentrati sull’oggi senza avere l’ossessione del domani. Oggi è un dono, il presente è un regalo (presente, appunto) che va vissuto, momento dopo momento. Purtroppo, molti vivono con il corpo nel presente e la mente e il cuore o più avanti (preoccupazione) o più indietro (rimpianto, nostalgia).

La preoccupazione per il futuro e il rimpianto e la nostalgia per il passato sono le malattie che ti impediscono di vivere bene il presente! Considera l’oggi come un figlio. Prenditene cura e amalo anche se non è il migliore… il più bravo… il più buono, anche quando fa il difficile, anche se non è come lo immaginavi… è tuo figlio. Amalo così come è… come ti è stato dato. È tuo figlio! Amando lui sarai più felice anche tu!

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


AUTORE: Don Antonio Mancuso PAGINA FACEBOOK

Image by blenderfan from Pixabay

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 19 Giugno 2021