don Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2022

28

- Pubblicità -

Si amano a vicenda quelli che intervengono insieme agli spettacoli degli istrioni; 
si amano a vicenda quelli che si trovano insieme a ubriacarsi nelle bettole; 
si amano a vicenda quelli che accomuna una cattiva coscienza. 
Cristo dovette fare perciò una distinzione nell’amore quando ebbe a dire:
Questo è il mio comandamento, che vi amiate a vicenda. 
In realtà, la fece; ascoltate. 
Dopo aver detto: Questo è il mio comandamento, che vi amiate a vicenda, 
subito aggiunse: come io vi ho amato. 
Amatevi a vicenda così, per il regno di Dio, per la vita eterna. 
Siate insieme ad amare, amate me, però. 
Vi amerete reciprocamente se vi unisce l’amore per un istrione; 
sarà maggiore il vostro amore reciproco 
se vi unisce l’amore per colui che non può farvi scontenti, il Salvatore.

S. Agostino 

- Pubblicità -


Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 15 Maggio 2022
Articolo successivoGesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 15 Maggio 2022