Commento al Vengelo del 21 Maggio 2021 – Monaci Benedettini Silvestrini

163

Il primato dell’amore.

Il Vangelo ci narra del riscatto e della riabilitazione di Pietro. Alla triplice negazione l’apostolo, su esplicita richiesta del Signore, – “mi ami tu più di costoro?” – fa seguire una triplice ed umile affermazione di fede e di amore. Gesù aveva detto che chi vuole essere il primo deve essere l’ultimo di tutti e il servo di tutti. Lui stesso si era prostrato, come l’ìnfimo dei servitori, a lavare loro i piedi.

Ora è la volta del principe degli apostoli; tocca a lui sperimentare l’umiltà e dichiarare senza esitazioni il suo amore, la sua fedeltà al Maestro. “Tu sai che ti amo”, afferma Pietro. “Pasci le mie pecorelle”, ribadisce il Signore. E’ così che è riaffermato e conferito in pienezza a Pietro e ai suoi successori, il primato nella Chiesa.

E’ così che quel dono, senza perdere il suo aspetto giuridico, si adorna delle doti migliori, quelle della incondizionata fedeltà e dell’amore profondo a Cristo. E’ su questa scia che si sta muovendo il nostro Pontefice, il successore di Pietro. Questa è la via che potrà fare della Chiesa un solo ovile sotto un solo pastore nella perfetta unità, per la quale lo stesso Gesù ha pregato.

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021 – Gv 21, 15-19
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 21 Maggio 2021