Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022

48

- Pubblicità -

«Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».

A rendere liberi i discepoli di Cristo, quelli di allora come quelli di oggi, è il rimanere nella Parola, fondare la propria vita a partire da essa. Non è infatti questa un’imposizione, né si tratta di una serie di rigide norme che possano dare istruzioni su come affrontare l’esistenza; vivere in essa è semmai inserirsi in un’ottica di salvezza.

Per questo Gesù dice che questa verità renderà liberi. La Parola ci insegna in che modo Cristo ha dato la vita per noi e in che modo sia possibile vivere nella stessa ottica del donarsi. Nel gratuito offrirsi al Signore vi è la realizzazione più compiuta di ogni essere umano, così come lo è stato per Gesù.


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Monica e Giuseppe Lami
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentePadre Giuseppe Cavallini – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 6 Aprile 2022