Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 20 Febbraio 2020

123

Medita

Gesù vuole vedere la consapevolezza della sua comunità e chiede: “Voi chi dite che io sia?”. È la domanda circa la conoscenza che loro possono avere di Gesù. Gesù vuole verificare cosa hanno capito di lui. Sì, molti lo seguivano, ma per i suoi miracoli, per il suo potere di guarigione, perché moltiplicava il pane. Però Gesù voleva che lo seguissero perché conoscevano davvero la sua identità. Ed è significativo che Pietro esclami: “Tu sei il Messia!”, cioè tu sei il Cristo. Gesù non è semplicemente il predicatore, il profeta, l’uomo che guarisce, ma è addirittura il Messia, quella figura attesa di quell’uomo mandato da Dio, il quale avrebbe portato la salvezza a Israele. A questo punto ci aspettiamo che Gesù esulti per quell’affermazione, che sia in qualche modo contento. Ma non è così: Pietro definendolo Messia lo espone a dei rischi; si potrebbe pensare a un Messia politico, a un Messia che dà liberazione politica, a un Messia secondo i poteri di questo mondo. Allora Gesù sgrida i suoi discepoli, imponendo loro di non dire nulla a nessuno di questa sua identità che deve ancora rimanere nascosta perché non deve attrarre gli uomini, ma deve sedurli.

Rifletti

Gesù è il figlio di Dio: perciò è perennemente vivo in Lui come è eternamente vivo il Padre suo. È questa la novità che la grazia accende nel cuore di chi si apre al mistero di Gesù: la certezza non matematica ma ancora più forte, interiore, di aver incontrato la Sorgente della vita. (Papa Francesco)

Prega

Sia lode a te! Vita del mondo,
umile servo fino alla morte,
doni alla storia nuovo futuro.
Solo in te pace e unità!
Amen! Alleluia!

Fonte: Ascolta e Medita – Febbraio 2020 curato da Domenico Coviello, Angela Castino – Arcidiocesi di Pisa – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi


Tu sei il Cristo …. Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.
Dal Vangelo secondo Marco Mc 8, 27-33   In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti». Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.  E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere. Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».   Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.