Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 16 Novembre 2021

31

Quella di Zaccheo è una conversione totale; la presenza e la bontà misericordiosa del Signore illuminano la sua coscienza. Lui, capo dei pubblicani, considerato un peccatore irredimibile, accetta la salvezza aprendo la sua casa e il suo cuore a Gesù. La medesima offerta di amicizia viene ancora oggi rivolta dal Signore ad ognuno di noi.

Per riflettere

Ci lasciamo cercare e salvare da Gesù?

Preghiera finale

Signore Gesù,
chiamami per nome,
fammi sapere che ti vuoi fermare da me,
in casa mia, nel mio cuore.
Vieni, Signore Gesù, a riempire di gioia la mia vita,
liberandomi da ogni egoismo;
vieni a liberarmi da me stesso
per essere ricco soltanto di te,
mia Pasqua, mia Salvezza, mia Gioia.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 16 Novembre 2021
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 16 Novembre 2021