Sr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 17 Settembre 2023 per bambini/ragazzi

488

Oggi non riesco davvero a iniziare senza citare una frase tratta dal libro del Siracide, che la Prima lettura ci dona: «Ricordati della fine e smetti di odiare, della dissoluzione e della morte e resta fedele ai comandamenti. Ricorda i precetti e non odiare il prossimo, l’alleanza dell’Altissimo e dimentica gli errori altrui». Queste parole sono un concentrato di energia! Sono una sberla di Dio alla nostra religiosa saccenteria, sono un Suo scossone nel caso ci sentissimo religiosamente in regola.

«Ricordare l’alleanza dell’Altissimo» è ricordare a noi stessi quanto è grande il divario tra quello che noi possiamo dare e quello che Dio ha dato a noi. È dirci con grande onestà che se lo abbiamo conosciuto è perché siamo dei graziati, dei risollevati, dei perdonati, dei liberati, degli amati.

Continuiamo a credere che lui chieda a noi scelte radicali, passi al limite dell’umano, ma è lui a dare, lui si offre a noi: e lo fa per primo, lo fa sempre, e non chiede un contraccambio. Così Gesù si è dato a noi. Così il Padre ha consegnato il Figlio. Così lo Spirito continua a renderci parte di quel loro amore liberante.

- Pubblicità -

Il Libro dei Siracide continua: «Non odiare il prossimo e dimentica gli errori altrui»… respiro un attimo perché questa sembrerebbe davvero grossa, contraria anche a quella correzione fraterna pur indicata dal Vangelo e sì, usata a volte anche a sproposito. Qui il faro va puntato non tanto sulla correzione “fraterna” appunto, ma sulle intenzioni più profonde che la muovono. «Non odiare» è un verbo chiaro, significa: non permettere che qualcosa, neppure il peccato, diventi ostacolo per accorgerti di tuo fratello, di tua sorella; non coltivare verso colei, colui che ti sta accanto sentimenti avversi, guidati dalle ferite, orientati dalla rivincita. Gli errori ci sono. Il peccato c’è, e nessuno è chiamato a far finta che non esista. Il punto è un altro.

Da queste letture, cogliamo l’invito di Dio: vivere e far vivere! Vivere: scegliendo le logiche di Colui che ci ha amato, e nell’amore ci ha salvato; imparando lo stile di Colui che abbracciandoci ci risolleva ogni giorno anche dalle peggiori scivolate.

- Pubblicità -

In Gesù di Nazaret abbiamo avuto la possibilità di scoprire il volto più bello del Dio che crede alle nostre promesse, non tentenna nel darci seconde, terze e infinite possibilità, e si fida della nostra libertà.

Ogni giorno, in ogni singolo istante, so che non devo lasciarmi scoraggiare dal peccato, perché Colui che mi ama, vuole riscattarmi anche quando tutto sembrerebbe davvero perduto.

Ma ogni giorno, in ogni singolo istante, so che non devo lasciarmi scoraggiare neppure dal peccato di chi mi sta accanto, di chi conosco, di chi mi ha deluso, di chi ha ferito… Perché Colui che a me può perdonare l’imperdonabile, può risollevare anche mia sorella, anche mio fratello, anche la mia spina nel fianco, anche il mio nemico.

È questa forse la più difficile verità da dirsi quando si vuole provare a tenere il passo di Gesù di Nazaret. È questa la porta più stretta da attraversare, la via più irta da percorrere. Comprendere e vivere la legge del perdono, che è la legge dell’amore, è quasi certamente il boccone più amaro da mandar giù… ma non esiste nulla di più autentico e fecondo. Non significa essere buonisti. Perché il perdono non ignora il male, non mette la testa sotto la sabbia davanti al peccato, ma pur vedendo accompagna, pur ferito abbraccia, pur stanco risolleva.

Per gentile concessione di Sr. Mariangela, dal suo sito cantalavita.com

CANALE YOUTUBE
PAGINA FACEBOOK