Commento al Vangelo di lunedì 1 Novembre 2021 – don Mauro Manzoni

94

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di lunedì a novembre 2021.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Festa di tutti i Santi. Festa di rassicurazione e incoraggiamento, festa che ci fa tirare un sospiro di sollievo: per fortuna ci sono loro e questo mondo non è popolato soltanto da mascalzoni. C’è anche la presenza dei santi e sono moltissimi, tanti da non poterli contare, perchè girano privi di documento di identità e riconoscimento.

Ci sentiamo meglio, meno cattivi al loro contatto, anche se li incrociamo e frequentiamo senza avvedersi di loro, perchè i santi, quando stanno sulla terra, passano per lo più inosservati e ignorati. Una madre, uno che lavora nei campi o in ufficio. un insegnate, un medico, una cameriera, un vecchio, un malato, un senzatetto…

I santi, qui, su questa terra. Sì, su questa terra, perchè la santità non comincia in cielo, ma qui, appena nasciamo. Ecco allora le beatitudini che abbiamo letto nel Vangelo di oggi. Beati significa “essere al posto giusto”. Voi vi trovate al posto giusto quando siete poveri in spirito, vi trovate al posto giusto quando siete miti,misericordiosi, puri, impegnati sul fronte della pace, amanti della giustizia.

I santi hanno scoperto qui, sulla terra, il posto giusto per essere felici. E non sono persone specializzate nel compiere imprese straordinarie e sbalorditive, campioni non dell’eccezionale, ma della normalità e quotidianità, con una vita fatta di cose ordinarie, alla portata di tutti. La festa di oggi, può fornirci l’occasione di scoprire quali cose spezzare per liberare questa gemma di santità.

Link al video
Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 1 Novembre 2021
Articolo successivomons. Giuseppe Zenti – Commento al Vangelo di lunedì 1 Novembre 2021