Missionari della Via – Commento alle letture di domenica 24 Settembre 2023

344

Pace e bene, questa domenica incontriamo una parabola “scomoda”, che viene per dilatare gli spazi del cuore e liberarci dalle ristrettezze di una vita (e una fede) vissuta all’insegna della proporzionalità per immergerci negli spazi della divina bontà…

Il Vangelo di questa domenica ci sembra alquanto strano! Ragionando  secondo il nostro concetto di giustizia, proprio non riusciamo a capire.  Vi è un padrone della vigna che, in orari differenti, manda operai a  lavorare nella sua vigna. Con i primi che vanno a lavorare all’alba si 

accorda con loro per un denaro; poi ne manda altri dicendo: «ciò che è  giusto ve lo darò». Poi esce a mezzogiorno e fa altrettanto. Poi esce  verso le cinque e dice: «Perché siete qui senza far niente? … andate  anche voi nella mia vigna».  

- Pubblicità -

Quando arriva la sera dobbiamo scoprire quanto il padrone darà agli  ultimi e agli altri ai quali ha detto che avrebbe pagato il giusto. Cosa  succede? Che appositamente chiama i lavoratori, iniziando dagli ultimi  perché i primi li vedano: c’è una provocazione. Che cosa dicono i  lavoratori che hanno lavorato tutta la giornata, pensando di ricevere di  più, al vedere che il padrone dà a tutti un denaro? Mormorano contro il  padrone: «Noi abbiamo sopportato il peso e il caldo». Ora, secondo la  nostra logica è assurdo che dia paghe uguali; la consideriamo come  un’ingiustizia perpetrata ai lavoratori della prima ora! Ma qui la parola  ingiustizia non è proprio esatta. Infatti dice: «Io non ti ho fatto torto …  io ho concordato per te con un denaro, sei forse invidioso?» 

Ecco la nostra mentalità: noi diamo se gli altri ci danno. Noi misuriamo  tutto; diamo se riceviamo. Pensate se in un matrimonio o con i figli si  dovesse dare quello che in certi momenti è giusto dare: non si darebbe  nulla vista la totale incapacità di comprendere, di amare, di perdonare…!  In tal modo non avremmo forse abbattuto il concetto di amore gratuito  con il quale il Signore ci ama, anche quando non lo meritiamo? Pensate  se il Signore dovesse darci quello che meritiamo: penso che non si  salverebbe nessuno! 

L’ottica economica applicata alla fede diventa pericolosa, ci convince  che possiamo ottenere dei benefici osservando determinate regole. Si  elimina così l’ottica della gratuità. Per Dio, infatti, le cose funzionano  secondo la grazia. Egli vuole che tutti gli uomini siano salvi. Vuole che  tutti gli uomini lavorino nella sua vigna, vuole che tutti stiano nel suo  amore, nella sua volontà, perché al di fuori di ciò vi è solo disperazione!  Noi dovremmo essere felici che il Signore chiami gli ultimi, che questi  

- Pubblicità -

giungano a conoscere l’amore di Dio. Dovremmo gioire invece di essere  invidiosi! Noi soffriamo, infatti, di questa malattia che si chiama invidia:  invidia per ciò che gli altri fanno di bello. Invidia perché gli altri riescono  meglio di noi. Invidia per ciò che gli altri possiedono… Non  dimentichiamo che l’invidia è come la carie delle ossa. Distrugge tutto  ciò che vi è di bello nella nostra vita, e cerca di distruggere ciò che di  buono vi è nella vita degli altri!  

Chiediamo la grazia di saper gioire per ciò che di bello il Signore compie  negli altri. Preghiamo perché tanti nostri fratelli e sorelle possano  tornare al Signore. Preghiamo e speriamo che tutti i nostri cari, che  sembra stiano sprecando la loro vita, anche nell’ultimo giorno, come il  buon ladrone, possano convertirsi di vero cuore. Preghiamo perché tutti  quanti, un giorno, possiamo godere delle gioie del Paradiso senza più  la fatica di questa vita! 

Icona

Mt 18, 21-35 – Missionari della Via 437 kb 2 downloads

Tendo a paragonarmi agli altri? Quando si affaccia in me la tentazione  dell’invidia? …

Sito web