La Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 28 Ottobre 2023

125

Gesù sale da solo sulla montagna. Prega. Poi chiama a salire i suoi discepoli e ne fa fermare con lui 12. Infine scende dalla montagna con loro. Tra la solitudine e la fraternità c’è la preghiera. Non ci può essere amicizia, sequela, pace, se non dopo aver pregato. Quanto sono attuali queste parole.

C’è chi cantava: prima di sparare pensa. Gesù oggi dice: prima di qualsiasi cosa, prega, ringrazia, affidati, invoca, supplica, loda. Il mondo oggi ci fa paura, la guerra ci mostra quanto siamo impotenti di fronte all’odio e alla violenza. Preghiamo e facciamo penitenza, solo così ci si salva.

A cura di fra Simone dal suo canale Telegram (https://t.me/centoparole)
Commento al brano del Vangelo di: ✝ Lc 12,49-53

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno