don Mauro Manzoni – Commento al Vangelo di Domenica 25 Settembre 2022

32

- Pubblicità -

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica 25 settembre 2022.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a riflessionevangelo@graficapastorale.com che lo spedirà ogni settimana.

- Pubblicità -

Da un lato c’è un uomo definito semplicemente come ricco, senza altri attributi, e non è nemmeno un ricco cattivo. Dall’altro c’è un povero di nome Lazzaro. Quest’ultimo non chiede nulla, è presente e basta.

Tra i due si avverte una distanza invalicabile, un abisso di ignoranza, di egoismo, di presunzione che si è scavato intorno al ricco, la cui coscienza atrofizzata non riesce neppure a percepire il muto rimprovero della povertà. E’ minacciato da una paralisi spirituale che rende incapace di accogliere qualunque richiamo ad un cambiamento di vita.

L’immagine che ci propone il Vangelo è stupenda: quaggiù, su questa terra, sono i poveri che attendono davanti alla porta dei ricchi, lassù saranno i ricchi che supplicheranno i poveri di ricordarsi della amicizia che non hanno dimostrato loro, della ricchezza che non hanno condiviso, della comunione dei beni che hanno realizzato soltanto a loro favore.

Questa pagina evangelica è più che attuale anche oggi in questo mondo, in cui tanti Lazzaro giacciono alla nostra porta, in questa società del benessere tanti Lazzaro attendono qualcosa di diverso. Oggi, come ieri, ciò che conta è varcare l’abisso che ci separa da loro prima che diventi un baratro insormontabile.

Link al video