Giovani di Parola – Commento al Vangelo del 22 Giugno 2023

210

Mettendoci in ascolto delle parole di Gesù, pronunciate nel Vangelo di oggi, comprendiamo veramente cos’è la preghiera, ma anche cosa non è. Non è uno stordire Dio a forza di parole, come se volessimo convincerlo che ciò per cui ci stiamo battendo è giusto, non dobbiamo rivolgerci a lui in modo ansioso è disperato, perché in fondo sappiamo che prima ancora che delle nostre parole, Egli è in ascolto della nostra vita.

Ciò che conta è fare in modo che ogni gesto, scelta, parola sia preghiera. Per questo quando Gesù ci consegna il “Padre Nostro”, ci invita prima a vivere ciò che professiamo con le parole e poi a pronunciarle con la bocca. Solo così la preghiera sarà veramente efficace e porterà frutto nella nostra vita. I frutti della preghiera sono davvero tanti: pace, gioia, libertà, perdono.

Pregare significa fare posto a tutta questa grazia in noi e portarla a chi incontriamo nella nostra vita.

- Pubblicità -

✝️ Commento al brano del Vangelo di:  ✝ Mt 6,7-15

Fonte: Il canale Telegram ufficiale di Animatori Salesiani: ogni giorno il Vangelo del giorno seguente sul tuo telefono e altri contenuti utili per il tuo cammino spirituale!