Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 3 Gennaio 2023

76

- Pubblicità -

Io non lo conoscevo, dice Giovanni. Il primo a credere e testimoniare, a capire che non era lui la luce, ma poteva parlare della luce. Chissà cosa ha visto esattamente, come ha capito che lo Spirito era con quel nazareno enigmatico e mite.

È quello a cui siamo stati chiamati tutti i cristiani dopotutto: conoscerlo, o riconoscerlo, all’interno della nostra vita, in luoghi e spazi in cui non l’avevamo mai visto, dove non c’eravamo resi conto che, in realtà, c’era sempre stato.

Sono istanti effimeri, che però rimangono impressi nella memoria del cuore. Quei momenti che sembra che tu sia stato chiamato a vedere, e che rimangono a volte come un piccolo segreto fra te e lo Spirito, cose che accadono o si manifestano di cui solo tu potevi capire l’importanza per la tua vita.

- Pubblicità -

E sembra un riconoscersi reciproco, uno scambio di sorrisi veloce durante la giornata impegnativa, fra te e la realtà, donata e costruita in questo modo da chi era prima di te.

Gloria Ruvolo

Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato