fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 28 Giugno 2023

335

✝️ Commento al brano del Vangelo di:  ✝ Mt 7,15-20

Purtroppo, molte volte è accaduto che nella società prevalessero i lupi rapaci, persone amate e acclamate dalla folla, a volte perfino adorate quasi che fossero i salvatori della patria e dell’umanità, ma poi, guardando ai loro frutti, abbiamo capito che non erano i salvatori, ma erano solo degli avidi speculatori, persone che sono riuscite ad emergere, non grazie alle loro qualità umane e spirituali, ma attraverso le loro menzogne e la corruzione.

Quante volte dovremo ancora rimanere scottati prima di riuscire a distinguere i buoni profeti dai falsi profeti? Temo che gli errori del passato ancora si ripeteranno nel futuro, ma questo non deve lasciarci cadere nel pessimismo. Tutti noi siamo chiamati a scegliere qualche persona di riferimento della nostra vita, non saprei dirvi perché è così ma vedo che accade un po’ per tutti, dai bambini che scelgono i super eroi dei fumetti, i ragazzi nei cantanti, agli adulti che scelgono i loro eroi tra i politici, tra i pensatori, tra i calciatori e via dicendo.

- Pubblicità -

Noi abbiamo scelto Gesù come punto di riferimento, essere cristiani significa avere Gesù come modello di vita, come spirito che ci guida nelle nostre scelte, come meta del nostro cammino. E la nostra non è una scelta cieca, no, noi scegliamo Gesù con consapevolezza, dai suoi frutti lo abbiamo riconosciuto, perché è rimasto fedele alla verità e all’amore, anche di fronte alla minaccia di morte.

Sappiamo che ci ha amati perché ha dato più valore alla nostra vita che alla sua.

Link al video

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano