fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 20 Dicembre 2022

346

Ed eccoci ancora con questo bellissimo racconto dell’annunciazione, ma questa volta nell’imminenza del Natale. Un chiaro invito ad aspettare la nascita di Gesù con i sentimenti materni di Maria. E qui apro una piccola parentesi perché poco tempo fa una persona della nostra comunità mi ha chiesto perché la chiamo Maria, anziché “santa Maria” o Madonna.

In realtà la chiamo un po’ in ogni modo, però in alcune circostanze la chiamo semplicemente Maria, e naturalmente non è una mancanza di rispetto, ma la chiamo con il suo nome, così come fa anche il Vangelo. Inoltre, chiamandola solo per nome, è un modo per farci cogliere che Santa Maria, pur essendo santa, non aveva una aureola in testa, era una ragazza che esternamente si presentava come le altre ragazze del suo tempo, e la sua santità non era affatto evidente alle persone che la incontravano, anzi, sicuramente lei è stata una persona che ha dovuto sopportare i giudizi e le maldicenze degli altri a causa della nascita di suo figlio Gesù.

E mentre Dio la ricolmava della sua grazia dall’alto con il dono di un Figlio, la gente incredula la giudicava male. Questo accadeva in passato e accadrà sempre, perché tutti vogliono vedere i segni della presenza di Dio, ma in realtà nessuno è capace di riconoscerli quando questi arrivano. Così per preparaci bene al Natale, non accontentiamoci di chiedere a Dio di manifestarsi, cerchiamo piuttosto di purificare il nostro cuore così che quando lui arriverà noi saremo capaci di vederlo.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano