HomeVangelo del GiornoFabrizio Morello - Commento al Vangelo del giorno, 5 Dicembre 2023

Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 5 Dicembre 2023

Commento al brano del Vangelo di: Lc 10, 21-24

Ieri, leggendo la parabola del centurione che ando’ incontro al Signore affinchè guarisse il suo servo, che era paralizzato, mi sono soffermato sul fatto che una delle caratteristiche del cristiano è il “ vedere “ chi soffre, chi è “ paralizzato “.

Anche oggi il verbo “ vedere “ è protagonista del testo.

Beati gli occhi che vedono cio’ che voi vedete “.

- Pubblicità -

E’ la frase che Gesu’ rivolge ai discepoli.

Ma che vedevano i discepoli?

Vedevano “ queste cose “, cioè quelle che Dio aveva “ nascosto ai sapienti e ai dotti “ e “ rivelato ai piccoli “: le meraviglie che compiva l’Amore facendosi dono.

- Pubblicità -

Si innamora di Cristo chi, guardando alla sua vita, nota di come la abbia spesa tutta per amore, spezzandosi per gli altri, fino a farsi dono per ciascun uomo.

Gesu’ ha dato il sangue per me, proprio per me.

Chi “ vede “ queste cose è un “ beato “ perché dinanzi ad esse non puo’ restare indifferente e cercherà di vivere nello stesso modo, amando piu’ che puo’.

In tal modo la sua vita sarà piena.

Ed io sono “ piccolo “ al punto tale da poter “ vedere “ queste cose?

Buona giornata e buona riflessione a tutti.

Icona

Lc 10, 21-24 | Fabrizio Morello 25 kb 1 downloads

Commento al Vangelo del 5 dicembre 2023 …

Articoli Correlati