don Paolo Scquizzato – Commento al Vangelo del 7 Maggio 2023

343

Deve pur esistere una strada, una modalità in grado di condurre alla propria verità, perché ne proviamo una sorta di presagio, come la sete è segno che l’acqua deve esistere.

Portiamo dentro l’intima esigenza che la vita non s’esaurisca in una manciata d’anni, e reclamiamo nel profondo che le persone che amiamo debbano essere eterne, e che la malattia e la morte non siano l’ultima parola sul vivere. Nutriamo insomma la speranza di vivere per sempre.

Gesù ci rassicura dicendoci: ‘non sia turbato il vostro cuore’. Non smettete di credere a tutto questo, a ciò che il vostro cuore intuisce, perché ‘il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce’ (Pascal).

- Pubblicità -

Gesù dice che un ‘cammino’ esiste per giungere alla verità di sé, e in ultima analisi alla felicità. È quello che lui stesso ha incarnato nella sua vita terrena. La via del bene, della cura, della compassione. L’amore fa abitare spazi d’infinito, di ricreazione, di trasfigurazione.

Chi ama giungerà ad ‘indiarsi’ (Dante, Paradiso, IV 28), ovvero a divinizzarsi, nella consapevolezza d’essere sempre più la propria medesima sostanza: la divinità.

La strada, la via, il cammino perché questo possa compiersi è ancora Gesù a mostrarcelo: quello della piena umanità. Gesù è stato l’uomo così eminentemente umano che ha lasciato trasparire in lui il divino, tanto da poter affermare ‘chi vede me vede il Padre’. Nel lento cammino d’umanizzazione, il diamante che siamo diverrà capace di lasciarsi attraversare dalla Luce, per giungere ad essere solo Luce.

- Pubblicità -

Per gentile concessione di don Paolo Scquizzato

FONTE
CANALE YOUTUBE