don Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 4 Dicembre 2022

87

- Pubblicità -

Ti è mai capitato di seguire una persona o un navigatore e di perderti?

A volte anche nella vita di fede è così: seguiamo qualcuno che ci inizia alla vita di fede e poi non ci dice più cosa dobbiamo fare e spesso prendiamo decisioni che ci allontano dal Signore. Penso ai bambini di prima comunione o ai ragazzi di cresima. Oppure alle coppie che arrivano al matrimonio in chiesa perché si dicono credenti e dopo le promesse di crescere cristianamente fanno altre scelte. Oggi il Vangelo ci ricorda che se vogliamo possiamo invertire la marcia.

Giovanni Battista “Predicava nel deserto”. A volte ci sentiamo come lui: ci diciamo credenti, facciamo cose per Dio o operiamo affinché altri possano sentirsi attratti da Dio e sembra che tutto quello che facciamo serva a niente, nessuno risponde, nessuno ci ringrazia… intorno a noi tutto deserto!

Allora Giovanni ci insegna due atteggiamenti, quelli di un credente autentico: anzitutto non si stanca di predicare e continua a farlo finché qualcuno non lo ascolti, non ha paura di stancare o di stancarsi. Il suo obiettivo è salvare quante più persone facendole ragionare su cosa possono migliorare nella propria vita!

Oggi, invece, quasi non predichiamo più perché abbiamo paura del “politacally correct” che è diventato il nuovo Erode che non vuole che Gesù si faccia strada. E non ci rendiamo conto che sempre meno gente conosce il Signore, molta gente attribuisce a Dio cose che non gli sono proprie, e la grande maggioranza sente che vivere senza Dio sia meglio perché si è più liberi di sfogare i propri istinti e soddisfare i propri bisogni. 

Il secondo atteggiamento che ci insegna il Battista è l’esempio coerente di vita: non basta dirsi credenti, ma va messo in pratica. Non è credibile, infatti, un credente che bestemmia, che usa linguaggi sporchi, continue allusioni sessuali, o pratica l’ingiustizia che invece denuncia con le parole, o che preferisce non accorgersi dei bisogni di chi ha accanto per non avere fastidi, ecc. Giovanni Battista predicava l’essenzialità e vestiva in modo essenziale, parlava in modo essenziale, mangiava in modo essenziale…

Per questo era ritenuto credibile e molti si convertivano e volevano battezzarsi da lui!

Oggi dovremmo riscoprire l’essenziale, ma per farlo c’è bisogno di un cambio di rotta rispetto a tutto quello che il mondo fa e ci omologa a fare. Oggi il vero anticonformista sceglie di seguire Dio che lo aiuta ad essere originale, essenziale e coerente, ma soprattutto più umano. 

  • E tu, oggi, sei consapevole che, dal tuo modo di vivere, chi ti osserva può vedere Dio oppure no?

Fonte: il blog di don Domenico | Unisciti al suo canale Telegram @annunciatedaitetti oppure clicca QUI |Visita anche il suo canale YOUTUBE