d. Giampaolo Centofanti – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2023

298

✝️ Commento al brano del Vangelo di:  ✝ Mt 9,36-10,8

Gesù non giudica la gente invece ha compassione perché comprende che tanti non sono aiutati a crescere. Lui stesso è cresciuto con l’aiuto degli altri: Chi fa la volontà del Padre mio e per me fratello, sorella e madre.
Dunque è davvero interessante vedere lo sguardo di Gesù anche sulla società. Noi viviamo in una società svuotata di libere ricerche profonde. A scuola si insegnano solo nozioni. I ragazzi insultano i genitori e loro chiedono cosa hanno sbagliato. Ma essi sono invece i soli ad aiutare i figli a crescere, ecco il punto principale.
Non si parla della propria fede per rispettare quella dell’altro e così con questo trucchetto ben architettato fin dalla scuola si è ridotti a consumatori isolati in una massa anonima.

Gesù comprende e ha fiducia. Mentre si pensa a gente senza valori Gesù ha fiducia nelle persone e dice che la messe e molta e gli operai sono pochi e di pregare perché finalmente le persone siano aiutate, perché ci aiutiamo reciprocamente.
Guardiamo la storia. L’impero romano è crollato perché hanno smesso di coltivare i valori e hanno pensato di essere bravi di per sé, tecnicamente. Impressionante vedere un impero così potente crollare in definitiva dall’interno, per svuotamento.

- Pubblicità -

Gesù prega che diventiamo operai nella sua messe, che ci aiutiamo gli uni gli altri a crescere. Quando si cresce nella profondità dell’amore si arriva ad un punto in cui si diventa discretamente attenti alla crescita dell’altro e si impara dall’altro. Ecco un amore che si fa intenso, profondo, vivo. Talora nella coppia la moglie, o viceversa, pensa di non attirare più il marito. Ma se la vita di tuo marito si spegne non crescendo, si spegne anche il rapporto con te.
Gesù chiama i discepoli prima di tutto a sé perché senza il suo amore, senza questa crescita continua non potranno fare nulla verso gli altri, tanto più nel lungo periodo.

Poi dà loro il potere di scacciare gli spiriti impuri, ossia di aprire il cuore alla luce che Dio infonde loro, senza lasciarsi confondere da voci interne a loro stessi ed esterne, da tante strade, fasulle. E così di aiutare le persone a guarire davvero, non a funzionare in un mondo chiuso e isolato.

Fonte: il blog di don Giampaolo Centofanti