Commento al Vangelo – Domenica 25 luglio 2010 – Bellanotizia

1253

Questa è una rielaborazione audio/video sulle letture della Messa di: DOMENICA 2010 – IV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (Anno C) a cura di Antonio Di Lieto. Il titolo della Messa, che unifica tutte le letture, secondo l’autore è: Baciàti dalle sue parole !

Download file mp3

Commento alle Letture

PRIMA LETTURA (dal libro della Gènesi 18,20-21.23-32)

Abramo aveva offerto ospitalità a tre forestieri di passaggio, che in realtà erano due angeli ed il Signore in persona: venuto a mettere alla prova la sua generosità. Dopo il pranzo, il Signore si confidò con Abramo dicendo: “Sai, mi sono arrivate troppe grida di aiuto che mi chiedono di intervenire contro Sòdoma e Gomòrra: per questo sono venuto a vedere se queste città sono veramente così cattive e violente. Voglio esserne sicuro: e se è vero, le distruggerò!”. Detto questo, diede ordine ai due angeli di alzarsi: ed andare nella città di Sòdoma. Vedendo che il Signore era rimasto lì davanti a lui, Abramo decise di provare a dissuaderlo: BUSSANDO ALLA PORTA del Suo cuore. Così si avvicinò a Dio e con umiltà gli disse: “Mio Signore, a Sòdoma probabilmente ci saranno 50 persone buone: come puoi far morire anche loro per colpa di altri? Proprio Tu che sei Somma Giustizia?”. Disse allora il Signore: “Hai ragione, se troverò a Sòdoma 50 persone giuste, non la distruggerò!”.

Dopo un po’ Abramo disse di nuovo: “Scusami Signore, se proprio io che sono solo polvere e cenere, mi permetto di insistere: e se invece di 50 troverai 45 buoni, che farai? Distruggerai una città intera, per 5 persone?”. Ed il Signore: “E va bene: se vi troverò 45 giusti, non la distruggerò!”. Ma Abramo continuò: “E se ne trovassi solo 40? …”. Ed il Signore: “Va bene, facciamo 40 …”. Ed Abramo ancora: “Non arrabbiarti Signore, se parlo di nuovo: e se ci fossero solo 30 persone buone a Sòdoma, la distruggerai?”. Ed il Signore: “E va bene: se troverò 30 persone buone, non la distruggerò!”. Allora Abramo continuò fiducioso: “Scusami Signore se insisto: e se di uomini giusti ne trovassi 20?”. Ed il Signore, lasciandosi convincere: “E va bene: facciamo 20!”. Alla fine Abramo alzando le mani esclamò: “Non arrabbiarti Signore, questa è l’ultima richiesta che ti faccio: e se ne trovassi solo 10?”. Il Signore allora concluse: “E va bene, facciamo 10 e non se ne parla più: se a Sòdoma troverò 10 persone buone, non la distruggerò!”. E’ proprio vero: il Signore accoglie le richieste degli umili. Apre sempre, a chi con amore BUSSA ALLA SUA PORTA !

SALMO RESPONSORIALE (Salmo 137,1-8)

Ogni volta che l’ho chiamato, il Signore mi ha risposto. Mio Dio, ti ringrazio con tutto il cuore: perché hai ascoltato le mie parole. Voglio cantare ed adorare solo Te: non altri ìdoli. Per questo sono qui: inginocchiato nel tuo tempio santo. Ti ringrazio, per la tua fedeltà ed il tuo amore: perché le tue promesse sono più grandi di ogni aspettativa. Quando HO BUSSATO ALLA TUA PORTA mi hai aperto, quando ti ho chiamato mi hai risposto: dandomi sempre più forza. Perché il Signore è grande: sta lontano dai superbi e si china sugli umili. Se sono nei guai, Tu mi risollevi: con la Tua mano, intervieni contro la rabbia dei miei nemici. È la tua mano infatti, che mi salva: che fa per me tutto ciò di cui ho bisogno. Il Tuo amore dura per sempre, quindi non abbandonarmi: porta a termine su di me, la tua opera meravigliosa !

SECONDA LETTURA (dalla lettera di Paolo ai cristiani di Colòsse 2,12-14)

Carissimi fratelli, i vostri peccati sono stati sepolti nella tomba di Cristo: quindi con Lui, anche voi siete resuscitati. Attraverso il battesimo infatti, Lui ha perdonato tutti quelli che con fede ed umiltà BUSSANO ALLA Sua PORTA: ha strappato le nostre cambiali, inchiodandole alla Sua croce !

VANGELO (Luca 11,1-13)

Un giorno Gesù stava pregando. Quando ebbe finito, un discepolo gli chiese: “Perchè non insegni anche a noi a pregare? Come ha fatto Giovanni Battista con i suoi discepoli?”. Disse allora Gesù: “Quando pregate dite così: – Padre nostro, noi riconosciamo l’infinita grandezza del Tuo nome: e siamo disposti a fare la Tua volontà. Donaci ogni giorno ciò di cui abbiamo veramente bisogno e perdona i nostri peccati: come noi siamo disposti a perdonare quelli degli altri. E soprattutto non lasciarci soli ad affrontare le prove della vita: ma resta sempre al nostro fianco. Amen -”.

Poi aggiunse: “Non abbiate paura di BUSSARE ALLA PORTA di Dio: perché Lui vi ascolta sempre. Se voi a mezzanotte BUSSATE ALLA PORTA di un vicino, e gli dite: -Amico, mi è arrivato un ospite all’improvviso e non ho niente da offrirgli: per favore prestami tre pani!-, state certi che quello vi aprirà. Anche se è infastidito perchè i suoi bambini stavano già dormendo, lo farà almeno per togliervi dai piedi. Bene, se vi ascolta anche un amico poco disponibile, figuriamoci il Signore che è vostro Padre!

Quindi Io vi dico: -Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, BUSSATE e vi sarà aperto. Perché chi chiede ottiene, chi cerca trova: ed a chi BUSSA sarà aperto!-. Se un figlio vuole mangiare pesce, quale padre gli darà un serpente? E se un bambino desidera per cena un uovo, quale papà gli cucinerà uno scarafaggio? Tutti i padri, anche i peggiori, danno cose buone ai loro figli: figuriamoci Dio che è un Padre buonissimo! Lui vi donerà persino la potenza del Suo Spirito, se solo gliela chiederete. Quindi, BUSSATE ALLA SUA PORTA !”.

Sul sito http://www.bellanotizia.it puoi scaricare tante altre “bellenotizie”, anche in forma di registrazione-audio e presentazione-video, oltre a diversi miei articoli, scritti, corrispondenze-mail ed ipotesi innovative.
Note: L’autore precisa che, anche se la lettura di queste bellenotizie aiuta a comprendere la prima parte della Messa (Liturgia della Parola), non potrà mai sostituire la seconda parte (Liturgia eucaristica), in cui ci viene data la possibilità di “abbracciare” veramente il Corpo di Cristo.