Commento al Vangelo – Domenica 13 giugno 2010 – Bellanotizia

509

Questa è una rielaborazione audio/video sulle letture della Messa di: DOMENICA  2010 – XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (Anno C) a cura di Antonio Di Lieto. Il titolo della Messa, che unifica tutte le letture, secondo l’autore è: Un Dio che perdona !

Scarica il file audio

Commento alle Letture

PRIMA LETTURA (dal 2° libro di Samuele 12,7-10.13)

In quei giorni il profeta Nàtan andò dal re Davide e gli disse: “Questo ti manda a dire il Signore: «Io sono il tuo Dio: e per te ho fatto tantissimo. Ti ho liberato dagli attacchi dei nemici, ti ho fatto diventare re, ti ho dato una reggia splendida: e le donne più belle. E se non ti bastasse, potrei fare anche molto di più. Perché allora mi hai offeso? Facendo ciò che Io considero una cosa orrenda? Tu infatti hai provocato la morte del povero Urìa: un soldato del tuo esercito, di origine ittìta. Lo hai fatto mettere apposta in prima linea, affinchè rimanesse ucciso dalla spada dei nemici: e così poter sposare sua moglie! Bene, ora la spada non si allontanerà mai più dalla tua vita. Perché hai offeso Me: prendendo in moglie, quella che era la moglie di un altro uomo!»”. Il re Davide si sentì lacerare il cuore e, sinceramente pentìto, disse al profeta: “Lo ammetto: ho commesso un grave peccato contro il Signore!”. Il profeta Nàtan vide che il suo pentimento era sincero. E gli rispose: “Perchè hai riconosciuto la tua colpa, Dio ha cancellato il tuo peccato. Tu non morirai: perché il Signore è UN DIO CHE PERDONA !”.

SALMO RESPONSORIALE (Salmo 31,1-2.5.7.11)

Beato l’uomo a cui Dio ha tolto ogni colpa: e PERDONATO il peccato. Beato chi non cerca di ingannare il Signore, ma ammette i suoi errori: non gli saranno addebitati. Ti ho confessato il mio peccato, Signore: non ti ho nascosto la mia colpa. Mi sono detto: “Confesserò al Signore le cose orrende che ho fatto!”. E Tu hai cancellato la mia colpa: hai PERDONATO il mio peccato. Sei Tu il mio rifugio: perchè mi liberi dall’angoscia, fino a farmi cantare di felicità. Rallegratevi ed esultate voi giusti, gridate di gioia voi che avete il cuore onesto: perché il nostro è UN DIO CHE PERDONA !

SECONDA LETTURA (dalla lettera di Paolo ai cristiani della Galàzia 2,16.19-21)

Carissimi fratelli, l’uomo non si salva solo per i suoi meriti o perchè osserva le leggi religiose, ma soprattutto perché si affida a Gesù Cristo: implorando il Suo PERDONO. Anche perché, se si salvasse solo chi non trasgredisce mai le leggi religiose, non si salverebbe nessuno! Le leggi della Bibbia infatti mi fanno solo capire che io sono un peccatore e merito la morte, ma solo se mi affido a Cristo posso essere PERDONATO: e vivere. Quindi io non vivo per merito mio, ma perché Cristo vive in me: Lui che mi ha amato così tanto, da voler pagare Lui per i miei peccati. Smettetela allora di pensare, che l’uomo si salva solo rispettando le leggi religiose. Non rendete vana la grazia di Dio: non lasciate che Cristo sia morto invano!

VANGELO (Luca 7,36 – 8,3)

Un giorno un devoto farisèo, invitò Gesù a mangiare a casa sua. Lui accettò: entrò nella sua casa e si sedette alla sua tavola. All’improvviso arrivò una donna, una nota peccatrice di quella città, che aveva saputo che Gesù si trovava lì. Si inginocchiò ai piedi di Cristo e cominciò a piangere: implorando il Suo PERDONO. Gli bagnava i piedi di lacrime, poi glieli asciugava con i capelli, glieli baciava: e vi versava sopra del profumo.
Vedendo questa scena, il farisèo pensava tra sé: “Se fosse un profeta, saprebbe che questa donna è una famosa peccatrice: e non si lascerebbe nemmeno toccare da lei!”. Ma Gesù disse al farisèo: “Ho una cosa da dirti, Simone”. Quello rispose: “Dimmi maestro”. Gli domandò Gesù: “Se un uomo condona ad un suo debitore 50 danari e ad un altro addirittura 500, chi dei due lo amerà di più?”. Simone rispose: “Immagino quello a cui ha condonato di più”. Osservò Gesù: “Hai detto bene”. Poi continuò: “Vedi questa donna? A lei devo condonare molto: per questo mi ama così tanto.
Quando sono entrato nella tua casa infatti, tu non mi hai dato nemmeno l’acqua per lavarmi i piedi (come si era soliti fare con gli ospiti): lei invece me li ha inondati di lacrime e persino asciugati con i suoi capelli! Tu per salutarmi non mi hai dato nemmeno un bacio sulla guancia: lei invece non ha mai smesso di baciarmi i piedi e profumarmeli! Per questo le saranno PERDONATI i suoi molti peccati: perché mi ha molto amato. Chi invece crede di averne pochi, pensa di non aver bisogno di me: e mi ama poco”.
Poi rivolto alla donna, disse: “Và, i tuoi peccati sono stati PERDONATI!”. I farisei seduti a tavola, cominciarono a pensare scandalizzati: “Ma chi crede di essere quest’uomo, per avere il potere addirittura di PERDONARE i peccati?”. Ma Gesù non si curò di loro e, rivolgendosi alla donna, disse ancora: “Và tranquilla: la tua fede ti ha salvata!”.
Da allora, quando Gesù se ne andava per i villaggi a predicare ed annunciare la bellanotizia del regno di Dio, c’erano sempre con lui – oltre ai dodici apostoli – molte donne che Lui aveva liberato dalle malattie e dal peccato. Tra queste Giovanna moglie dell’amministratore di Erode, Susanna ed anche Maria Maddalena: una peccatrice dalla quale erano usciti sette spiriti maligni. E’ proprio vero: il Signore è UN DIO CHE PERDONA !

Sul sito http://www.bellanotizia.it puoi scaricare tante altre “bellenotizie”, anche in forma di registrazione-audio e presentazione-video, oltre a diversi miei articoli, scritti, corrispondenze-mail ed ipotesi innovative.
Note: L’autore precisa che, anche se la lettura di queste bellenotizie aiuta a comprendere la prima parte della Messa (Liturgia della Parola), non potrà mai sostituire la seconda parte (Liturgia eucaristica), in cui ci viene data la possibilità di “abbracciare” veramente il Corpo di Cristo.