Brevi commenti alle letture della Messa del 1 Novembre 2018 – Servizio della Parola

510

La speranza di “vedere” Dio, che guida la nostra esistenza terrena, ci spinge a purificare noi stessi. È questa speranza che può aiutare a cogliere la sorgente della forza delle beatitudini, ossia la pressione silenziosa, ma irresistibile, dell’eternità sul tempo presente. Chi contempla l’eterno, la verità ultima dell’essere, sente sempre più forte l’attrazione a vivere in modo da potervisi conformare. Coloro che sono poveri, afflitti, miti, giusti e puri di cuore potranno anche conoscere tribolazioni e persecuzioni, ma godranno alla fine lo splendore di Dio.

La beatitudine promessa dal vangelo ci orienta alla speranza di una vita che trovi alla fine pienezza. Non si tratta di una utopia che illude, ma di una certezza fondata sulla fiducia nel Cristo risorto e nella partecipazione alla sua vita. Per questo le beatitudini rappresentano la magna charta dell’esperienza cristiana.

La prima lettura, tratta dall’Apocalisse, parla degli “eletti”: Dio vuole sottrarli al male, per questo imprime il sigillo sulla loro fronte, segno di benedizione e di protezione.

La seconda lettura descrive la nostra vocazione: Dio chiama fin d’ora ad una relazione personale con lui, una relazione ora vissuta “nel mistero”, nella speranza della rivelazione definitiva.

Fonte: Servizio della Parola

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

TUTTI I SANTI

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di giovedì 1 Novembre 2018 anche qui.

Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti.

Mt 5, 1-12
Dal Vangelo secondo Matteo

1Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. 2Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: 3«Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. 4Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati. 5Beati i miti, perché avranno in eredità la terra. 6Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. 7Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. 8Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. 9Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. 10Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. 11Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. 12Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 28 Ottobre – 03 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]